Compassione Kriya

POSTURA: Siediti in Easy Pose con la colonna vertebrale dritta.
MUDRA: incrocia le dita di Saturno (medio) sulle dita di Giove (indice) di ciascuna mano. Metti i pollici sui cumuli di Mercurio, che è proprio alla base del mignolo.
Occhi chiusi.
MANTRA: Canta con una versione lirica di Rakhay Rakhanahaar.
MOVIMENTO:
(a) Sulla prima riga del mantra, alza le mani e premile sul petto, un palmo sopra l’altro.
(b) Sulla seconda riga del mantra, abbassare le braccia in modo che i polsi poggino sulle ginocchia.
Continua ad alternare in questo modo, ma con le mani al petto per l’ultima riga che si ripete due volte. Quindi abbassa brevemente e solleva di nuovo per la prima linea.
(a) Rakhay rachanhaar aap ubaariun
(b) Gur kee pairee paa-eh kaaj savaariun
(a) Hoaa aap dayaal manho na visaariun
(b) Saadh janaa kai cantato bhavjal taariun
(a) Saakat nindak dusht khin maa-eh bidaariun
(b) Tis Saahib kee tayk naanak manai maa-eh
(a) Jis simrat sukh ho-eh saglay dookh jaa-eh (a) Jis simrat sukh ho-eh saglay dookh jaa-eh
(Abbassare brevemente le mani e poi continuare.)
TEMPO: 31 minuti

COMMENTI: L’unica cosa bella che ti rende umano è la compassione. Pensa alla vendetta, alle bugie, alla verità, a Dio, alla grandezza, pensa a qualsiasi cosa, se ne togli compassione, tutto diventa amaro. La compassione è un valore della vita; è potere; è Dio e meditazione; è vero. La compassione ti dà la forza di affrontare la sofferenza e tuttavia non provare dolore. Non c’è assolutamente grazia senza compassione.

Lascia un commento