di Nikhil Ramburn e Sat Bir S. Khalsa, Ph.D.

L’artrosi (OA) è la forma più comune di artrite ed è caratterizzata da alterazioni articolari degenerative che causano dolore e ridotta funzionalità nel tempo. Oltre alla perdita della funzione articolare e della forza muscolare, i sintomi dell’OA includono dolore, disturbi del sonno che possono portare a depressione, ansia e isolamento sociale. Poiché le articolazioni più comunemente colpite nell’OA sono le articolazioni dell’anca e del ginocchio, che sono essenziali per la mobilità, l’artrite è la causa più comune di disabilità. In effetti, circa 50 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un’artrite diagnosticata dal medico e gli anziani sono i più colpiti. È interessante notare che i neri e gli ispanici non ispanici hanno un impatto peggiore sull’artrite nonostante abbiano una prevalenza di artrite uguale o inferiore rispetto ai bianchi non ispanici. Data l’elevata prevalenza e la natura cronica dell’OA, impone oltre 60 miliardi di dollari di costi sanitari e una perdita di produttività negli Stati Uniti La degenerazione articolare causata da OA è attualmente irreversibile e il trattamento convenzionale si concentra principalmente sull’attenuazione dei sintomi e sulla massimizzazione della funzione articolare.

Le terapie comuni per l’OA includono esercizio fisico delicato, applicazione di calore e freddo, riduzione dello stress, gestione del peso e farmacoterapia. Sfortunatamente, l’uso cronico di farmaci antidolorifici come l’acetominofene può avere effetti collaterali significativi sul fegato e i farmaci antinfiammatori non steroidei possono avere un impatto sullo stomaco e sul sistema cardiovascolare. D’altra parte, un esercizio appropriato ha pochi effetti collaterali negativi ed è efficace nel ridurre il dolore, aumentare la funzione quotidiana e migliorare il sonno. Tuttavia, l’artrite stessa è uno dei motivi più comuni per limitare l’attività fisica. Pertanto, al fine di migliorare la qualità della vita, molti pazienti devono trovare il modo di assumersi maggiori responsabilità e iniziative per la propria cura, motivo per cui l’attenzione è sempre più concentrata su interventi non farmacologici che migliorano l’auto-cura e l’autoefficacia.

Approcci complementari e integrativi includono lo yoga che è noto per migliorare l’autoefficacia nei pazienti con malattie croniche. Una pratica chiave alla base di ciò è l’aumento della consapevolezza e della consapevolezza mente-corpo che è un segno distintivo della componente meditativa della pratica yoga, rendendo i pazienti più consapevoli degli effetti dei loro comportamenti sulla loro condizione, consentendo loro di gravitare verso comportamenti benefici e allontanarsi da quelli negativi. Inoltre, le pratiche yoga sono ben note per ridurre lo stress cronico, che non solo ha un impatto sul disturbo stesso, ma può anche portare a una cascata di esiti positivi su altri fattori di comorbidità dell’OA come il miglioramento del sonno, la diminuzione dell’ansia e una migliore capacità di staccarsi dall’OA. l’esperienza psicologica del dolore. Inoltre, lo yoga offre i vantaggi degli esercizi fisici tra cui lo stretching, il rafforzamento e l’equilibrio e la componente di sicurezza associata nella capacità di regolare il ritmo e l’intensità.

La ricerca biomedica esistente sull’efficacia dello yoga per l’OA è promettente e mostra alcune prove di riduzione del dolore, disturbi del sonno e disabilità. Una recente revisione sistematica pubblicata dai ricercatori dell’Università del Minnesota e della Florida Atlantic University sull’American Journal of Physical Medicine & Rehabilitation nel 2016, ha esaminato 12 rapporti, quattro dei quali erano studi randomizzati controllati (RCT) che hanno coinvolto un totale di 589 partecipanti con OA -sintomi correlati. Questo studio ha scoperto che gli interventi di yoga hanno portato a riduzioni di dolore, rigidità e gonfiore, ma i risultati sulla funzione fisica e sul benessere psicosociale non sono stati conclusivi a causa della varietà di misure di esito utilizzate. Di tutti i sintomi di OA, lo yoga sembra avere l’effetto più positivo sul dolore. Non sorprende che negli studi recensiti sembra esserci anche una forte relazione positiva tra il numero di sessioni di yoga a settimana e l’efficacia dello yoga nella funzione fisica e nel benessere emotivo. Ciò è incoraggiante poiché suggerisce che la ripetizione di esercizi di yoga non ha effetti negativi sulle articolazioni dei pazienti con OA e i programmi di yoga terapeutico per i pazienti con OA potrebbero concentrarsi su una pratica quotidiana sostenuta anziché su interventi settimanali. Infatti non sono stati segnalati eventi avversi. Sfortunatamente, la maggior parte delle prove era di qualità metodologica media e solo una prova era di alta qualità, il che ci impedisce di trarre conclusioni definitive a questo punto.

Il primo RCT per valutare l’effetto di un intervento yoga su pazienti con OA delle mani e delle dita è stato pubblicato nel Journal of Rheumatology nel 1994. I risultati hanno rivelato che la pratica yoga settimanale di 8 settimane ha prodotto miglioramenti significativamente maggiori rispetto alle misure di controllo per dolore, dolorabilità e gamma di movimento delle dita. Un altro studio iniziale, sempre del 1994, ha esaminato un diverso tipo di artrite, l’artrite reumatoide (RA). Questo primo RCT in assoluto che esaminava gli effetti dello yoga sull’AR includeva 20 partecipanti, in cui il gruppo di intervento praticava posture fisiche delicate e tecniche di respirazione mentre il gruppo di controllo riceveva le consuete cure mediche. Dopo 3 mesi, la forza della presa è aumentata significativamente nel gruppo yoga ma non nei controlli. Entrambi questi primi studi erano di durata relativamente breve e sottodimensionati, ma ci hanno fornito la prima dimostrazione del potenziale dello yoga come terapia efficace per l’artrite.

Più recentemente, nel 2015, il primo studio pubblicato per tentare la progettazione di un programma di rafforzamento dello yoga con rilevanza funzionale è stato condotto da Brenan et al. in Ontario, Canada. Questo studio a gruppo singolo ha incluso 45 donne con OA del ginocchio sottoposte a un programma di yoga incentrato sul rafforzamento degli arti inferiori e sulla mobilità dell’anca utilizzando una varietà di squat e affondi. Sono stati osservati miglioramenti in tutte le sottoscale dell’infortunio al ginocchio e del punteggio di esito dell’osteoartrosi, come diminuzione del dolore e miglioramento della qualità della vita, con il miglioramento maggiore che si è verificato nella sottoscala sportiva e ricreativa.

Un altro studio fondamentale pubblicato nel Journal of Rheumatology nel 2015 è il più grande RCT mai realizzato sullo yoga per OA e RA. Settantacinque adulti sedentari con AR o OA del ginocchio sono stati assegnati in modo casuale a 8 settimane di yoga (due lezioni da 60 minuti e 1 pratica a casa a settimana) o a un controllo del trattamento ritardato (lista di attesa). Moonaz et al. ha scoperto che lo yoga era associato a miglioramenti sostanziali delle percezioni fisiche e generali della salute, del dolore, dell’energia e dell’umore rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, lo yoga non è stato associato ad alcun effetto avverso. Vale la pena notare che questo è solo il secondo studio sull’artrite (su 20 pubblicati fino ad oggi) a includere dati sulla sicurezza. Questa prova preliminare è incoraggiante e suggerisce che lo yoga può aiutare le persone sedentarie con artrite ad aumentare in modo sicuro l’attività fisica e migliorare la salute fisica e psicologica, nonché la qualità della vita.

In sintesi, l’attuale corpo di prove indica una diminuzione del dolore nei partecipanti al programma di yoga e suggerisce miglioramenti in diversi indici di rischio menzionati in precedenza come l’umore e la qualità della vita. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi con gruppi di confronto attivi in contesti diversi e altre forme di artrite per supportare questi risultati e stabilire i benefici dello yoga in relazione all’esercizio tradizionale. Attualmente, uno studio pilota in corso presso il National Institutes of Health Clinical Center, nel Maryland, è il primo a valutare la fattibilità e l’accettabilità di un intervento di yoga per l’artrite nelle comunità minoritarie. Gli studi futuri in contesti diversi sono di vitale importanza a causa dell’elevato impatto dell’artrite nelle popolazioni minoritarie.

Lascia un commento