Dalmeet Kaur

Dalmeet Kaur

Sono appassionato di condividere il Kundalini Yoga con gli altri perché ho sperimentato in prima persona i suoi benefici curativi. Avendo vissuto sotto l’apartheid in Sud Africa per la maggior parte della mia vita adulta, ho sofferto di razzismo legalizzato, esclusione e impotenza. L’impatto della repressione sistemica è stato interiorizzato. Il mio viaggio di trasformazione è iniziato 10 anni fa, quando ho frequentato la mia prima lezione di Kundalini Yoga per la quale sono eternamente grato. Non appena sono diventato un livello 1

Praticante nel 2015, ho iniziato a insegnare Kundalini Yoga a casa mia e negli studi del mio avvocato a Cape Town. Le donazioni per le classi sono andate alla mensa dei poveri di Rosy a Khayelitsha. Un anno dopo ci fu offerto l’uso della Catholic Church Hall nella zona della classe operaia nera di Athlone. La popolazione studentesca è cresciuta a dismisura. La prova dei benefici del Kundalini Yoga era visibile a tutti in mia madre di 84 anni, una studentessa regolare e impegnata. Non appena alcuni dei miei studenti sono diventati praticanti di Kundalini Yoga certificati, si sono uniti a me nell’insegnamento dello yoga nelle comunità nere a basso reddito: nelle scuole, nei parchi, nelle strade e nei festival.

Abbiamo registrato lo yoga di comunità sotto la bandiera di Revolutionary Yoga NPC nel 2017. In quell’anno siamo stati premiati con il “Live to Give Award” di 3hO. Per tre anni consecutivi abbiamo anche ricevuto dei premi di riconoscimento dal Catholic Welfare Development. Nel corso del 2019 ho scoperto che molti dei nostri studenti, soprattutto bambini e adolescenti, andavano a letto a stomaco vuoto. Insieme a studenti e insegnanti, abbiamo iniziato a nutrire studenti e comunità all’insegna di Free Food Kitchen.

Con l’aumento della nostra consapevolezza dell’entità della malnutrizione e della fame, il nostro Seva si è diffuso ad altre comunità. Durante l’inizio del blocco COVID-19 nell’aprile 2020, ho ricevuto notizie di fame di massa nelle comunità. Abbiamo galvanizzato le nostre risorse e creato cucine gratuite in 7 comunità a Khayelitsha, Lavender Hill, Hazendal, Hanover Park e Smallville e Hazeldene, Philiphi. Abbiamo anche iniziato a nutrire cani e gatti nel nome di Divine Dogs Kitchen.

Per promuovere la sostenibilità e l’indipendenza, abbiamo creato orti in due delle nostre comunità. Le Free Food Kitchens sono gestite da donne della comunità che progettano i menu e cucinano e servono il cibo. Ad oggi serviamo 7000 pasti a settimana all’uomo e cibo a 400 cani e gatti. Abbiamo aumentato il numero dei membri del consiglio e condotto intense campagne di raccolta fondi nella comunità dello yoga. La maggior parte dei finanziamenti dei nostri donatori proviene dalla comunità di kundalini yoga negli Stati Uniti d’America. Gurmukh Khalsa, uno dei nostri Patroni, ha svolto un ruolo di primo piano nella generazione di donazioni.

Nel corso del 2020 abbiamo acquistato tre container da 12 metri da finanziamenti di donatori dedicati, che si trovano in 3 delle nostre comunità. In questi contenitori si svolgeranno cucina, alimentazione, yoga, lettura e consulenza sui traumi. Siamo davvero stupiti dalla generosità del nostro Sangat. I nostri cuori sono pieni di gratitudine.


SS Dukh Niwaran Kaur Khalsa-Sugrue

KRI onora Singh Sahiba DukhNiwaran Kaur Khalsa-Sugrue per il suo lavoro paziente e incrollabile di difesa delle questioni LGBTQIA+ nella comunità del Kundalini Yoga. Per molti anni ha educato, ispirato e organizzato per aiutare a trasformare la nostra comunità in modo che sia molto più diversificata e accogliente verso persone di tutte le identità di genere e preferenze sessuali.

SS Dukh Niwaran Kaur Khalsa-Sugrue

Mi sono imbattuto in una lezione di Kundalini Yoga quasi 25 anni fa cercando di imparare a fare stretching. Non avevo idea che avrebbe soddisfatto un desiderio più profondo portandomi in un viaggio di spirito e comunità lungo tutta la vita. Al mio primo solstizio d’estate, ebbi un’esperienza che mi connetteva a una divinità che conoscevo solo intellettualmente. Nel nostro canto, sadhana e lavorare insieme ho sentito Dio “Ang Sung Wahe Guru” in ogni cellula del mio essere. Quella settimana ho sussurrato una preghiera affinché in qualche modo sarei stato in grado di aiutare a creare questo posto in modo che anche altri potessero vivere questa esperienza.

Per i prossimi 2 decenni, quella preghiera si è incarnata in modi al di là delle mie immaginazioni. Karma Yoga si è trasformato nella co-gestione del team di ospitalità ai solstizi d’estate e d’inverno. Le opportunità di insegnare si sono aperte a casa e ai solstizi e man mano che sono cresciuto in comunità attraverso corsi di livello 2 in tutto il Nord America, ho trovato il modo di servire le mie comunità attraverso la leadership. Ho lavorato al livello 3 Mela e mi è stato chiesto di facilitare le discussioni di gruppo sui problemi LGBTQIA+ nei forum dei formatori. Fu allora che trovai una voce che avevo taciuto in quello che chiamo il mio “armadio trasparente”. Non ero né completamente aperta come lesbica né completamente chiusa, vivendo nello spazio intermedio che era accettabile nella nostra comunità in quel momento.

Ho iniziato a dire la verità sulle esperienze LGBTQIA+ nella nostra comunità, alimentata dalla mia connessione con il Rainbow Sangat. Lavorando con KRI, 3HO e Khalsa Council, abbiamo iniziato a creare spazi più visibili affinché le persone LGBTQIA+ possano esistere insieme nelle nostre comunità. La mia preghiera per creare un Solstizio affinché gli altri abbiano le proprie esperienze della Divinità ampliate per creare un posto per ogni parte di me stesso e per gli altri. Il mio obiettivo costante è utilizzare i miei ruoli di leadership per aprire più spazi affinché persone di diversa estrazione possano assumere la leadership in tutte le nostre comunità. Man mano che espandiamo la nostra consapevolezza e includiamo visibilmente i membri LGBTQIA+, troviamo luoghi di resistenza e sfide lungo il percorso. C’è ancora molto lavoro da fare mentre insieme abbracciamo la pienezza delle persone LGBTQIA+ nel nostro percorso nello Yoga della Consapevolezza e guariamo dalle ferite lungo il percorso.

DukhNiwaran Kaur è un insegnante di livello 3, un formatore professionista, un ministro sikh e uno psicoterapeuta che vive a Chicago. È stata co-manager di Hospitality at Summer and Winter Solstices per oltre 15 anni, come membro della Task Force LGBTQIA+ del Khalsa Council, del Diversity and Inclusion Committee e del Marriage Equality Team. Ha lavorato nel comitato di pianificazione di livello 3, nel comitato di pianificazione del forum dei formatori, nel comitato esecutivo del consiglio di Khalsa e ha offerto corsi di formazione LGBTQIA+ per formatori di insegnanti tramite KRI e IKYTA, nonché per singole comunità in tutto il mondo. Nel 2019, le è stato conferito lo Spirit of Baisakhi Award durante la celebrazione di LA Baisakhi per il suo lavoro nella diversità e nell’inclusione. Le sue gioie come ministro sono state servire la cerimonia di Amrit Sanchar ai solstizi e celebrare un matrimonio tra persone dello stesso sesso.


Gurusangat Kaur dal Brasile

Gurusangat Kaur

Come MD con un dottorato di ricerca in Epidemiologia presso la Libera Università di Berlino, non avevo idea che lo Yoga avrebbe toccato terra nella mia vita come ha fatto. Eccomi all’ospedale di Berlino, mancano pochi mesi allo svolgersi del mio destino di insegnante di Kundalini Yoga. Sono il tipo di viaggiatore con una profonda inclinazione al pioniere in questa vita. A Berlino, oltre alla mia formazione medica, ho anche completato il mio livello uno. Nel mio colloquio di uscita all’Ashram di Berlino (a quel tempo a Kreuzberg), un Trainer si è rivolto a me e ha detto: “Siamo rimasti delusi dal tuo esame. Non hai risposto a una domanda, ma sei uno di noi”. L’ho sentito e ho pensato tra me e me: che cazzo, una risposta sbagliata su 10! Sono buono! Poi di nuovo: cosa avrebbe dovuto significare – io sono uno di loro?? Bene, il tempo mi direbbe esattamente cosa! Era il 1991.

Con Audre Lord a Berlino

Era l’estate del 1992, probabilmente luglio, quando il mio più caro amico venne a salutarmi. Audre Lord era questo incredibile essere umano, una donna di colore, poetessa e oratrice, scrittrice e attivista per i diritti umani. Stava morendo ed è morta il 17 novembre, il mio compleanno, nello stesso anno. Quando ci siamo incontrati, mi ha tenuto teneramente le mani e ha detto: “La comunità è una forza guida nel prossimo futuro. Non isolarti”. Vedeva nella sua saggezza molte cose, incluso il mio destino di Gurusangat. Il mio nome era come un bastone magico per aiutarmi a rompere con i miei schemi di isolamento e timidezza. Lei lo sapeva!

Ero lì, completamente immerso nel mio destino

Al mio ritorno in Brasile nel 1995, ho iniziato “a malincuore” a insegnare classi KY. Non ho mai avuto intenzione di farlo, ma sono andato in una sala operatoria con il chirurgo, l’anestesista e il paziente. Ho suggerito alla signora che stava per subire un’operazione grave di fare un po’ di respirazione e mantra. L’abbiamo fatto, ecco fatto! Il giorno dopo, andando a fare una normale visita diurna nella sua stanza, disse: cos’era quel dottore di ieri? Era magia. Ho detto che è Kundalini Yoga. Si rivolge al chirurgo e dice: posso farlo? Si limitò ad annuire con la testa. Rido ancora perché in seguito anche il chirurgo ha iniziato a frequentare le mie lezioni in ospedale. Sento quel momento come l’apertura di una diga. Alla velocità della luce eravamo già un folto gruppo di Kundalini Yogi a Belo Horizonte. Abbiamo creato ABAKY nel 2004 (l’Associazione degli amici del Kundalini Yoga) per aprire la nostra connessione con la società in generale. Durante quegli anni, in realtà fino alla pandemia di COVID 19, siamo stati frequenti partecipanti al solstizio d’estate e devo dire che quei solstizi ci hanno nutrito come Sangat per servire.

Servire insieme come un sangat

Non ho parole per descrivere come, nel Sangat, non ci sia limite a ciò che possiamo realizzare e servire! In Brasile, abbiamo creato il sistema educativo Miri Piri per bambini di ogni provenienza. Nel 2015 abbiamo aperto la nostra prima Miri Piri Brazil sotto la guida di Sat Kartar Kaur e suo marito, Siri Sahib Singh. Nel 2016 avevamo già altre due scuole al servizio delle loro comunità. La nostra voce collettiva, il nostro Sangat, ha sempre creduto che la nostra migliore eredità sarebbe stata l’educazione dei bambini.

Educare anche tutti gli altri

Nel 2013 ho avviato un particolare programma chiamato Aquarian Leadership. L’obiettivo era formare professionisti del nostro Sangat per aumentare la condivisione dell’insegnamento del Kundalini Yoga in generale. Nel 2018 abbiamo offerto quel programma al mondo aziendale e ai leader di diversi settori. Gli insegnamenti di Kundalini Yoga e lo Shabd Guru hanno fatto il loro ingresso con un vocabolario molto distinto in diverse aree diverse come medicina, ospedali, magistratura, affari, iniziative sociali per persone di colore, LGBTQ+ e insediamenti per senzatetto.

Ed eccoci qui!

Quel lavoro non sarebbe stato possibile senza la gentilezza e l’amore del mio compagno di vita, Kirn Jot Kaur. A lei la mia gratitudine per aver avuto tanta pazienza nel sostenermi in tutte le mie avventure selvagge. Il mio apprezzamento per il nostro Sangat e per i miei studenti, che si sono sempre presentati e mi hanno ispirato ad andare avanti.

Sangeeta Kaur, Saramdeep Kaur e Japbir Kaur – dalla Cina

Sangeeta, Saramdeep e Japbir erano considerati pionieri in Cina. I tre si sono incontrati per la prima volta a Lijiang nel 2009 nel laboratorio di Sunder Singh.

Non sapevano di essere destinati a incontrarsi lì ea percorrere questa strada come individuo per crescere ed erano destinati a qualcosa di più grande. In realtà, si sono incontrati in modo da poter intraprendere il viaggio e crescere insieme con forza e integrità per costruire insieme una comunità vivace per servire l’umanità in Cina.

Japbir, Sangeeta, Saramdeep, il loro team di sevadar e TNT hanno supportato la comunità per affrontare le turbolenze del 2020. Alla fine dell’anno è stato formato l’IKYTA China Chapter. Entriamo nel 2021 con amore, gioia, pace e profonda gratitudine. Qualunque cosa sia accaduta, vibra il cosmo e il cosmo aprirà la strada.

Japbir, Sangeeta, Saramdeep:
È una benedizione poter aprire le braccia per abbracciarci e servire il Kundalini Yoga con amore, gioia e integrità alla nostra comunità in Cina e alla famiglia globale.

Sat Nam.

Sangeeta Kaur

Ci sono molte sfide, insidie e incertezze nella crescita spirituale, a volte non avevo dove andare, ma seguendo la guida della verità nel mio cuore, scelgo di saltarla e affrontare la realtà e tutti i tipi di difficoltà e sfide.

Praticando il kundalini yoga, la mia vita cambia completamente. Ho conosciuto nuove persone, nuovo team, lasciato il lavoro, aperto uno studio, la vita è piena di cambiamenti dirompenti, ma il forte desiderio di trovare la verità mi spinge a non arrendermi, a non scappare finché non trovo la verità, è dentro ogni respiro, nella persistenza della meditazione kriya, nella vibrazione del canto dei mantra, nel battito del mio cuore, nella comunicazione con gli altri… ho trovato “uno” in ogni cosa.

Il mio cuore tracciante si è stabilizzato in pace, ora posso iniziare a vivere una vita cosciente e riconoscere la luce eterna. E la luce mi riporta alla vita normale per viverla, così posso illuminare me stessa e gli altri. Sii grato a tutti gli insegnanti e ai Guru per il loro insegnamento e guida, possiamo vedere Dio dentro e vedere Dio in tutti.

Saramdeep Kaur

Imparare il Kundalini Yoga, dalla stranezza e curiosità alla promozione e trasformazione della coscienza individuale e alla pratica della coscienza di gruppo e su uno! la mia esperienza è: pratica! la pratica! esercitati di nuovo! Ho la fiducia e la responsabilità di assumere questa “scintilla”, iniziare a servire insegnanti e studenti di Kundalini Yoga in Cina. Ho molta strada da fare. Questa è la mia missione.

Japbir Kaur

Pratico yoga dal 1989 e ho acquisito buone tecniche yogiche. Tuttavia, il Kundalini Yoga mi ha risvegliato in 4 aree: ascoltare e sintonizzarmi con la frequenza dentro e fuori, vivere il mio Sat Nam e connettermi con gli altri, rilassarmi percependo il mio stato d’essere con un lungo respiro profondo e il mio prezioso Adi Shakti, la mia dea creativa e senza paura.

Mi sono reso conto delle sfide della mia vita su cui scherzavo con l’affermazione “perché le chiedevo” Ora accetto tale affermazione e sono grato per la quantità di esperienze impegnative che sono stato determinato a vivere in modo da poter sviluppare la mia umiltà e compassione e condividere la mia ricchezza di esperienze con compassione per alimentare la crescita degli altri.

Sono grato per la pratica della meditazione e la guida dell’Adi Shakti che posso ispirare creativamente gli altri a praticare lo yoga e la meditazione.

La pratica del Kundalini Yoga mi fa capire quanto sono benedetto. Ho degli insegnanti davanti a me che mi guidano, intorno a me per sostenersi a vicenda e dopo di me in modo da poter offrire le mie benedizioni. Infine ho la mia famiglia amorevole che mi sostiene e mi incoraggia e mi sostiene in questo viaggio.

Con così tante benedizioni, continuo a servire l’umanità con umiltà e gratitudine.

Lascia un commento