di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.Pain Management

La comprensione del dolore proposta dall’Associazione Internazionale per lo Studio del Dolore è rimasta invariata dalla sua prima pubblicazione nel 1979. È definita come “un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a un danno tissutale effettivo o potenziale, o descritta in termini di tale danno”. Sfortunatamente, la complessità neurobiologica del dolore non è pienamente veicolata da questa definizione. Gli stimoli spiacevoli vengono captati da sensori periferici, chiamati nocicettori, che innervano la pelle, i tessuti profondi e gli organi interni. I condotti delle cellule nervose (assoni), che possono essere mielinizzati (ricoperti da una guaina isolante bianca) per una rapida conduzione del segnale o non mielinizzati (che portano segnali per un dolore lento e bruciante), trasmettono gli stimoli attraverso il corno dorsale del midollo spinale al cervello . Mentre la corteccia somatosensoriale del cervello è importante per la localizzazione del dolore, una vasta rete che comprende l’insula, la corteccia cingolata anteriore, la corteccia prefrontale e il talamo viene attivata durante l’esperienza del dolore acuto. Questa era tradizionalmente chiamata “matrice del dolore”.

Tuttavia, i modelli scientifici contemporanei riconoscono che il dolore non è un risultato diretto dell’input nocicettivo e del semplice percorso del dolore evidenziato sopra. Gli scienziati sanno che la nostra percezione è determinata in modo critico dalle aspettative comportamentali e psicologiche e può essere modificata attraverso l’apprendimento. L’esempio più impressionante e ampiamente studiato di questo fenomeno è negli analgesici placebo. Negli studi con placebo, i pazienti con dolore agonizzante riferiscono un completo sollievo dal dolore dopo la somministrazione di una pillola di zucchero che sono portati a credere sia un potente antidolorifico. Poiché il dolore è un’esperienza attivamente costruita, che può essere modificata attraverso l’apprendimento, alcuni scienziati propongono un approccio educativo al trattamento. L’obiettivo di questa strategia è spostare la concettualizzazione del dolore da parte del paziente da un marker di danno tissutale a quella di un bisogno percepito di proteggere il tessuto corporeo. Questo processo è chiamato “alfabetizzazione funzionale del dolore” e include l’insegnamento al paziente che dolore e nocicezione (segnali spiacevoli) non sono la stessa cosa.

Nonostante i progressi nel campo della psicologia dell’educazione per modificare la nostra percezione del dolore, il dolore cronico è una delle condizioni più comuni a livello mondiale che colpisce il 20% della popolazione mondiale. Si stima che negli Stati Uniti costa tra $ 560 e $ 635 miliardi all’anno per prendersi cura di chi soffre di dolore cronico, superando i costi sanitari associati a malattie cardiovascolari, diabete e cancro messi insieme. Questi fatti evidenziano la necessità di strategie efficaci di regolazione del dolore nella medicina moderna. Sfortunatamente, i trattamenti farmacologici convenzionali, in particolare gli antidolorifici oppioidi, hanno un alto potenziale di dipendenza. Nel 2015, 12,5 milioni di persone hanno abusato di oppioidi da prescrizione provocando oltre 15.000 morti e un totale di 78,5 miliardi di dollari di costi economici. È nel contesto di questa attuale crisi sanitaria che il Kripalu Center for Yoga & Health ospiterà una conferenza sulla gestione del dolore cronico nell’ottobre 2017. Questa conferenza mira a riunire innovatori e professionisti sanitari per esplorare un nuovo paradigma di trattamento per il dolore. Alcuni dei relatori includono Lorimer Moseley, PhD, un fisioterapista clinico e di ricerca che ha avanzato il concetto di alfabetizzazione funzionale del dolore; Lonnie Zeltzer, MD, esperta nel campo dello yoga per il dolore pediatrico; Fadel Zeidan, PhD, leader nel trattamento del dolore basato sulla consapevolezza; e Sat Bir S. Khalsa, PhD, che affronterà i meccanismi psicofisiologici alla base dei benefici dello yoga per la gestione del dolore cronico.

In effetti, esiste una forte logica scientifica per l’uso dello yoga, della meditazione e di altri approcci complementari nel trattamento del dolore. I sondaggi nazionali rilevano costantemente che il 30-40% della popolazione degli Stati Uniti utilizza approcci complementari come l’agopuntura, la massoterapia, lo yoga e la meditazione per alleviare le loro condizioni dolorose. La meditazione di consapevolezza può essere efficace nel ridurre i sintomi del dolore cronico modulando una serie di sistemi neurochimici endogeni. Il risultato è una significativa riduzione dell’attività cerebrale correlata al dolore e dell’attivazione in aree cerebrali di ordine superiore come l’insula. Uno dei primi studi sulla meditazione di consapevolezza negli studi sul dolore ha rilevato che i praticanti di meditazione Zen a lungo termine richiedevano livelli significativamente più elevati di stimolazione termica nociva per segnalare livelli di dolore simili ai controlli di pari età. Sebbene i praticanti Zen abbiano mostrato un’attivazione significativa delle regioni cerebrali di “elaborazione sensoriale”, hanno mostrato un’attivazione ridotta nelle aree del cervello che valutano il dolore.

Pain Management Risultati simili sono stati osservati nei praticanti di yoga a lungo termine nordamericani, in un recente studio condotto presso il National Institutes of Health , che hanno tollerato il dolore più del doppio del tempo rispetto ai soggetti di controllo che non praticavano yoga. Gli yogi avevano anche più materia grigia nella regione insulare del cervello, che era correlata alla tolleranza al dolore. In un esame dei modi in cui il dolore è stato tollerato da ciascun gruppo, si è scoperto che gli yogi usavano strategie cognitive basate sullo yoga, come l’accettazione e una maggiore consapevolezza interocettiva, e strategie comportamentali, come il rilassamento e la respirazione lenta, mentre i controlli cercavano di distrarsi attivamente o ignorare il dolore, che sono modi meno efficaci per gestire il dolore. Questi risultati suggeriscono che la pratica dello yoga può insegnarci nuovi modi per affrontare gli input sensoriali e modulare la nostra reazione ad essi.

La ricerca di Lonnie Zeltzer (uno dei relatori alla conferenza di Kripalu), fornisce ulteriori prove a sostegno dell’uso dello yoga per la regolazione del dolore. Ad esempio, un piccolo studio randomizzato controllato che utilizzava Iyengar Yoga includeva 26 partecipanti di sesso femminile (età media = 28 anni) con artrite reumatoide. L’intervento consisteva in 6 settimane di lezioni tenute due volte a settimana presso lo studio di yoga dell’UCLA Pediatric Pain Program, dove erano disponibili numerosi oggetti di yoga come blocchi, coperte e cuscini per supportare soggetti con una gamma limitata di movimento. Le donne hanno frequentato il 96% delle lezioni di yoga, suggerendo un alto grado di fattibilità della terapia yoga per questa popolazione. Inoltre, il gruppo di intervento yoga ha mostrato un miglioramento significativamente maggiore sulle misure di disabilità del dolore e punteggi di salute generale e vitalità rispetto ai soggetti di controllo che non praticano yoga, ma assegnati a una condizione di trattamento yoga ritardato. I dati di follow-up dopo la fine dell’intervento yoga hanno mostrato che quei miglioramenti sono stati mantenuti dopo 2 mesi, suggerendo i guadagni a lungo termine di un intervento yoga.

Un altro studio di Zeltzer et al. ha valutato l’impatto di un intervento di Iyengar Yoga di 6 settimane sui sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) negli adolescenti e nei giovani adulti. Sebbene il tasso di abbandono fosse maggiore con questa popolazione, i soggetti frequentavano ancora il 75% delle lezioni e i risultati mostravano miglioramenti nei punteggi di dolore, disagio psicologico, affaticamento, sonno e qualità della vita. I soggetti giovani adulti (di età compresa tra 18 e 26 anni) hanno riportato sintomi di IBS significativamente migliorati rispetto ai soggetti di controllo non trattati, mentre gli adolescenti (di età compresa tra 14 e 17 anni) hanno visto maggiori benefici nel funzionamento fisico. Entrambi gli studi di Zeltzer et al. suggeriscono l’idoneità dello yoga per la gestione del dolore cronico negli adolescenti e nei giovani adulti.

Questi risultati incoraggianti stanno emergendo nel contesto di nuovi sviluppi nel campo della psicologia del dolore, che suggeriscono che il dolore è un’esperienza attivamente costruita e può essere modificata attraverso l’apprendimento e strategie comportamentali mente-corpo. Abbiamo visto come lo yoga può sviluppare l’abilità nei praticanti di modulare la loro risposta al dolore attraverso strategie cognitive come respirazione, rilassamento, accettazione e maggiore consapevolezza interocettiva.

I potenziali benefici delle terapie complementari come lo yoga sono tanto più importanti a causa dell’attuale epidemia di oppioidi. Infatti, le linee guida pubblicate a maggio 2017 dalla Food and Drug Administration (FDA) raccomandano ai medici di guardare ad approcci non farmacologici, come le terapie complementari, nella gestione del dolore acuto e cronico e, nel 2010, il Il rapporto della Task Force per la gestione del dolore generale dell’Ufficio del chirurgo dell’esercito ha elencato lo yoga come modalità di trattamento di livello 1 per la gestione del dolore.

Nichil Rayburn

Nikhil Rayburn è cresciuto praticando yoga sotto gli alberi di mango ai tropici. È un insegnante di Kundalini Yoga certificato e ha insegnato yoga a bambini e adulti nel Vermont, New Mexico, Connecticut, India, Francia e Mauritius. Collabora regolarmente alla newsletter del Kundalini Research Institute ed esplora l’attuale ricerca sullo yoga.

Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D. è Direttore della ricerca del KRI, Direttore della ricerca per il Centro Kripalu per lo Yoga e la Salute e Professore Associato di Medicina alla Harvard Medical School. Ha praticato uno stile di vita Kundalini Yoga dal 1973 ed è un istruttore di Kundalini Yoga certificato KRI. Ha condotto ricerche sullo yoga per l’insonnia, lo stress, i disturbi d’ansia e lo yoga nelle scuole pubbliche, è redattore capo dell’International Journal of Yoga Therapy e The Principles and Practice of Yoga in Health Care e autore dell’ebook della Harvard Medical School Il tuo cervello sullo yoga.

Lascia un commento