IMMAGINE FORNITA DA HARDASS KAUR


È una realtà con cui bisogna confrontarsi: l’assenza di persone di colore nel mondo dello yoga e di altre pratiche di cura di sé. Basta fare una semplice ricerca su Google per rendersi conto della scarsa rappresentazione dei neri e degli indigeni di colore (BIPOC) nei mezzi di comunicazione yoga. Ispirato all’azione, è nato in Brasile il progetto Yoga e Negritudine, coordinato da Sunderta Kaur, insegnante di Kundalini Yoga, e ospitato dagli Amici brasiliani del Kundalini Yoga (ABAKY). Kundalini Yoga (ABAKY)

“Ci siamo interrogati sulla predominanza dei bianchi nei corsi di Kundalini Yoga e sulle difficoltà dei neri a frequentarli per questioni economiche e culturali”, ha spiegato Sunderta. “Noi, insegnanti e studenti, ci siamo riuniti per discutere di questi temi e pensare ad azioni che potessero promuovere l’uguaglianza. Uno dei risultati è stato la realizzazione di saggi fotografici con insegnanti e studenti neri delle nostre classi a Belo Horizonte (Brasile), basati sulla consapevolezza che un’immagine aumenta il potere di espressione e di comunicazione con gli altri”.

Il risultato è un notevole saggio fotografico intitolato “Yoga e Negritude”. Queste immagini sono incredibili! Ricca di energia, spirito e coscienza, una miriade di bellissime immagini ci danno il benvenuto nello yoga come un mondo unico.

“La nostra immagine, la nostra vibrazione e il nostro vigore riflessi in queste immagini ci risvegliano a un processo di apprezzamento e riconoscimento dei luoghi che ci appartengono”, afferma Prakash Sangeet Kaur di ABAKY. “Il nostro colore appartiene a tutti i luoghi ea tutti gli occhi. È un riconoscimento che ci risveglia nella forma più pura che esista”.

Se un’immagine vale più di mille parole, allora queste immagini infrangono le barriere che esistono nello yoga in un modo che nessun dialogo può fare. Il KRI non vede l’ora di mettere in evidenza queste immagini sul nostro nuovo sito Web mentre ci muoviamo verso un paradigma più inclusivo e informato. È tempo di abbattere le barriere nello yoga.

“Il razzismo è la forma più esplicita delle barriere sociali che separano gli esseri umani in base al colore, carichi di giudizi di valore”, afferma Devaroop Kaur di ABAKY. “Per le persone con il corpo nero, l’integrazione nella società arriva con la negazione della loro storia, della loro fede e del loro modo di vivere. È una negazione che ha molte forme di espressione e ha un impatto sul potenziale in noi di ciò che è più vitale e connettivo… il nostro amor proprio, l’apprezzamento di sé e la cura di sé. Per anni i corpi neri sono stati contrassegnati e percepiti da soli come indegni di amore e, soprattutto, di amor proprio. Ed è in questa realtà, nella danza di quella polarità, che siamo chiamati a servire”.

Guarda tu stesso e celebra l’esperienza dello yoga come un unico mondo Yoga e Negritudine

Se vi piacciono queste foto, considerate la possibilità di sostenere il progetto Yoga e Negritudine con una donazione. Il modo per sostenere ABAKY in Brasile è quello di inviare fondi tramite PayPal utilizzando l’indirizzo e-mail [email protected] . Tutte le donazioni sono destinate a finanziare gli studi dei bambini BIPOC della Accademia Miri Piri in Brasile .

Immagine fornita da Bernard Machado

C’è ancora molto lavoro da fare.

Teacher

Sign up form for Mexico Hybrid


Sign up form for Mexico Hybrid

Questo si chiuderà in 0 secondi