Di Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Yoga and Meditation for Epilepsy
La capacità di autoregolare gli stati interni, fisici, mentali o emotivi, è un costrutto fondamentale alla base non solo del campo della medicina mente-corpo (che include lo yoga), ma anche di gran parte di ciò che è nel campo più ampio della medicina comportamentale . Le pratiche in questo regno includono abilità cognitive e di meditazione, tecniche di rilassamento e pratiche contemplative mente-corpo di yoga, tai chi e qi gong. Attraverso queste pratiche, si acquisiscono le capacità di regolare le funzioni tra cui il movimento fisico, l’attività respiratoria, le funzioni cardiovascolari e l’attività e reattività cognitiva ed emotiva. Studi di ricerca hanno confermato che la pratica dello yoga può portare a miglioramenti significativi della tensione muscolare, dell’attività neuro-muscolare e della coordinazione, della frequenza respiratoria basale, della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, delle prestazioni cognitive, della meta-cognizione e della gestione dello stress mentale e della reattività delle emozioni.

Il controllo di alcune di queste funzioni è mediato attraverso il comando diretto del sistema nervoso centrale, inclusa la capacità di rilassare consapevolmente i muscoli e modificare la frequenza respiratoria – questo è in qualche modo evidente. Ciò che è stato di maggiore interesse scientifico, rispetto all’autoregolazione, è la capacità di esercitare un controllo su processi ritenuti regolati automaticamente, come il sistema nervoso autonomo, che possono influenzare i cambiamenti nell’attività degli organi interni e delle funzioni compreso il cuore attività, pressione sanguigna e tasso metabolico. Questo perché storicamente, e anche attualmente, nel campo della medicina si è creduto che queste attività fossero fuori dal controllo della volontà cosciente. Una delle misure più note di questa autoregolazione della funzione autonomica è la frequenza cardiaca. Storicamente, ciò che è di particolare interesse sono le prime descrizioni di istanze/casi in Occidente che hanno suggerito la fattibilità di questo tipo di autoregolamentazione.

William James era un famoso filosofo, psicologo, medico e docente di Harvard alla fine del XIX secolo. In effetti, il Dipartimento di Psicologia del campus dell’Università di Harvard ora porta il suo nome, William James Hall. Fu un pioniere nel campo della psicologia che ottenne un ampio riconoscimento dal suo libro di testo seminale del 1890 The Principles of Psychology, un tomo di 1.200 pagine che richiedeva 12 anni per essere completato. Ha anche avuto l’opportunità di interagire personalmente con il maestro di yoga e sostenitore Swami Vivekananda durante le sue visite a Boston alla fine del 1800. Ciò ha influenzato il suo lavoro di ricerca sugli stati e le pratiche contemplative, e in particolare sulla meditazione, culminando nel suo libro del 1902 fondamentale Le varietà dell’esperienza religiosa. Fu uno dei primi accademici a riconoscere e descrivere l’interazione mente-corpo e la capacità di autoregolazione. Nel suo testo del 1890 scrisse una chiara affermazione della connessione mente-corpo: “Gli stati mentali provocano anche cambiamenti nel calibro dei vasi sanguigni, o alterazione nei battiti del cuore, o processi ancora più sottili, nelle ghiandole e nei visceri. … sarà sicuro stabilire la legge generale che non si verifica mai alcuna modificazione mentale che non sia accompagnata o seguita da un cambiamento corporeo. ” Quindi cita casi di “individui eccezionali” che riportano effetti diretti sulla frequenza cardiaca a volontà: un famoso aneddoto medico di un colonnello Townsend che poteva fermare il suo cuore a volontà e un rapporto del 1889 sul controllo volontario del cuore da parte del dottor SA Pease .

Il caso del colonnello Townsend può essere fatto risalire alla sua prima descrizione da parte di George Cheyne MD nel suo libro del 1733 Un trattato delle malattie di tutti i tipi. Racconta di essere stato chiamato a visitare Townsend con due colleghi medici verso la fine della sua vita, poiché era sul letto di morte affetto da una malattia terminale. Era il desiderio di Townsend di trasmettere loro un’esperienza/fenomeno in cui “… ricomponendosi, poteva morire o morire quando voleva, eppure con uno sforzo o in qualche modo, poteva tornare in vita”. Nonostante gli avvertimenti dei medici di non fare una dimostrazione date le sue condizioni, il colonnello ha insistito e Cheyne descrive l’evento di quella mattina.

Hanno quindi iniziato a concludere che era andato troppo oltre ed era effettivamente morto. Sorprendentemente, dopo mezz’ora ha mostrato segni di vita.

Townsend morì la sera successiva, lasciando un intrigante aneddoto sulla sua possibilità di controllare il suo cuore.

Il rapporto di 5 pagine del 1889 di Pease nel Boston Medical and Surgical Journal, la prima rivista medica statunitense e precursore del New England Journal of Medicine, era intitolato “Voluntary Control of the Heart”. In questo articolo ha affermato che “… ora abbiamo prove che ci sono individui dotati che hanno un certo controllo diretto su di esso” e osservando che in precedenza “i fisiologi sono da tempo consapevoli della stretta relazione tra l’azione del cuore e quella del cervello; eppure, per mancanza di prove sufficienti, non hanno concesso che un controllo diretto sul cuore potesse essere indotto da un semplice sforzo di volontà”. Quindi racconta diversi aneddoti/casi di semplice controllo intenzionale diretto della frequenza cardiaca (compreso il rapporto Townsend) distinguendoli da aneddoti che descrivono un effetto indiretto sulla frequenza cardiaca dovuto alla manipolazione fisico/meccanica del nervo vago (come la pressione fisica sul collo) o evocazione forzata di immagini mentali o emozioni (come la tristezza). Uno dei casi che cita descrive la ricerca di un medico russo su un individuo che è stato in grado di aumentare la sua frequenza cardiaca, attraverso il controllo volontario diretto, fino a 35 battiti al minuto. Il dottor Pease ha quindi presentato un’analisi dettagliata delle registrazioni del cuore, del respiro e della pressione sanguigna di un individuo della Harvard Medical School che era anche in grado di aumentare la frequenza cardiaca, in questo caso di circa 25 battiti al minuto. Dalla sua analisi, ha concluso che questo cambiamento era effettivamente dovuto al semplice controllo volontario o alla pura autoregolazione della frequenza cardiaca.

Questi articoli e rapporti sul controllo della frequenza cardiaca che si verifica così presto nel campo della medicina occidentale indicano la precoce apertura alla possibilità e al concetto di autoregolazione dello stato interno. Una volta che in Occidente sono apparsi rapporti dall’India su yogi avanzati che rivendicavano la capacità di autoregolare gli stati interni, non è stato così sorprendente che gli scienziati abbiano iniziato gli studi su questi yogi. In definitiva, questi studi hanno fornito una base per ulteriori ricerche, l’evoluzione del campo del biofeedback e, in definitiva, per il nostro lavoro nella ricerca sullo yoga moderno, che si è esteso allo studio delle capacità di autoregolazione delle pratiche yoga per cambiare molte funzioni psicofisiologiche interne. Si credeva che la maggior parte di questi fossero fuori dalla gamma dell’autoregolamentazione e la maggior parte della medicina moderna è ancora sotto quell’impressione.

Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.
Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D. è Direttore della ricerca del KRI, Direttore della ricerca per il Centro Kripalu per lo Yoga e la Salute e Professore Associato di Medicina alla Harvard Medical School. Ha praticato uno stile di vita Kundalini Yoga dal 1973 ed è un istruttore di Kundalini Yoga certificato KRI. Ha condotto ricerche sullo yoga per l’insonnia, lo stress, i disturbi d’ansia e lo yoga nelle scuole pubbliche. È redattore capo dell’International Journal of Yoga Therapy e The Principles and Practice of Yoga in Health Care e autore dell’ebook della Harvard Medical School Your Brain on Yoga.

Lascia un commento