di Raj Kaur Khalsa (Naila Omar Khayyam Alieva), Ph.D.
Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Siluetta di vettore della donna di yoga nel telaio del cerchio con struttura ad acquerello verde brillante e ornamento floreale.


L’infiammazione è una risposta fisiologica disordinata o conseguenza di reazioni immunitarie a lesioni acute o condizioni croniche ed è stata associata a numerose malattie. L’infiammazione comporta cambiamenti locali o globali nei vasi sanguigni, nei nervi e nei tessuti con sintomi che includono dolore, arrossamento, immobilità, gonfiore e calore dell’area interessata. Inoltre, può verificarsi anche infiammazione degli organi interni, spesso associata a condizioni croniche, che potrebbe includere affaticamento, nausea, ulcere della bocca, dolore toracico, dolore addominale, febbre, eruzione cutanea, dolore articolare, disturbi del sonno, umore depressivo, irritabilità e lieve cognizione difficoltà di attenzione e di memoria. Le malattie infiammatorie croniche sono la causa di morte più significativa nel mondo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) classifica le malattie infiammatorie croniche come la più grande minaccia per la salute umana. In tutto il mondo, tre persone su cinque muoiono a causa di malattie infiammatorie croniche come ictus, malattie respiratorie, malattie cardiovascolari, cancro, obesità e diabete.

L’infiammazione è in realtà un meccanismo di difesa nel corpo e una parte della normale risposta immunitaria del corpo. Infezioni, ferite e qualsiasi danno tissutale non sarebbero in grado di guarire senza una risposta infiammatoria. Nei casi in cui gli stimoli dannosi non sono stati rimossi e la risposta infiammatoria è stata mantenuta per un lungo periodo di tempo, il corpo sviluppa un’infiammazione cronica, che a sua volta può portare a condizioni patologiche, tra cui allergie, problemi della pelle e alcuni tipi di cancro. L’infiammazione può colpire anche gli organi nelle cosiddette malattie autoimmuni, in cui il sistema immunitario attacca i propri tessuti come se fossero una minaccia per la salute. Esempi di alcune condizioni infiammatorie croniche autoimmuni includono l’infiammazione del cuore (miocardite), dei reni (nefrite), dell’intestino crasso (colite) e delle articolazioni (artrite reumatoide).

La diagnosi di infiammazione acuta o cronica prevede l’esame del sangue per valutare il livello aumentato di diverse molecole di biomarcatori infiammatori tra cui gamma globuline, proteina C-reattiva e fibrinogeno. Inoltre, i pazienti con condizioni croniche avrebbero ulteriori biomarcatori valutati, comprese le citochine di segnalazione da cellula a cellula pro-infiammatorie, come il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF alfa), l’interleuchina-1 beta (IL-1beta), l’interleuchina-6 (IL -6) e interleuchina-8 (IL-8). In diversi studi di ricerca, sono state anche saggiate la regolazione superiore o inferiore del livello di espressione di diversi fattori di trascrizione pro e anti-infiammatori. Recentemente, la possibilità di rilevare le citochine salivari è stata saggiata in diversi percorsi controllati randomizzati (RCT), che hanno fornito risultati promettenti sul campionamento non invasivo tra i praticanti di yoga anche durante la pratica (prima e dopo gli esercizi di respirazione, per esempio).

Esistono diversi fattori di rischio legati allo stile di vita associati allo sviluppo di infiammazioni croniche, come obesità, dieta malsana, fumo, stress e disturbi del sonno. Complessivamente questi fattori inducono l’accumulo di molecole di radicali liberi chimicamente aggressive, un aumento del grasso corporeo viscerale e una maggiore produzione di citochine pro-infiammatorie. Attualmente sono disponibili diversi farmaci convenzionali per il trattamento di condizioni infiammatorie acute e croniche e/o per ridurre i sintomi associati. A seconda del tipo e della gravità dei sintomi, ai pazienti potrebbero essere prescritti farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come naprossene, ibuprofene, aspirina, paracetamolo (paracetamolo) e Tylenol (anche se questi riducono solo il dolore senza influenzare l’infiammazione si). Nei casi più gravi possono essere somministrati corticosteroidi, farmaci antireumatici modificanti la malattia (DMARDS) e modificatori della risposta biologica (BRM). I trattamenti antinfiammatori sono prevalenti in tutte le scuole conosciute di medicina tradizionale, come l’Ayurveda, la medicina cinese e la fitoterapia russa. I rimedi conosciuti includono una radice nota come artiglio del diavolo, il ragno di legno o pianta rampicante ( Harpagophytum procumnens ), la pianta di issopo, lo zenzero, la curcuma e, in alcune culture, la cannabis.

Le strategie comportamentali, inclusi lo stile di vita, i cambiamenti nella dieta e le pratiche mente-corpo, forniscono un altro strumento utile per il trattamento dell’infiammazione. Revisioni recenti hanno riassunto la ricerca sui benefici degli interventi mente-corpo (MBI) come lo yoga per ridurre l’infiammazione in condizioni acute e croniche. Anche se non è del tutto chiaro come funzionano gli MBI a livello molecolare o cellulare, sono state proposte diverse ipotesi sulla base dei recenti progressi della ricerca. In primo luogo, è stato dimostrato che gli MBI riducono l’espressione dell’attività genica coinvolta nella risposta infiammatoria indotta dallo stress. Diversi studi indicano che queste pratiche sono associate alla downregulation della via del fattore nucleare kappa B (NF-kB), alla riduzione della segnalazione attraverso il fattore di trascrizione proinfiammatorio NF-jB, all’aumento dell’attività dei fattori di trascrizione della famiglia della proteina legante l’elemento di risposta cAMP (CREB) e sovraregolazione del gene del recettore dei glucocorticoidi. I potenziali meccanismi per questi effetti includono alterazioni nei processi neuroendocrini, neurali, psicologici e comportamentali. In secondo luogo, è stato dimostrato che gli esercizi di respirazione e la meditazione yoga riducono le citochine pro-infiammatorie, come IL-1 beta, IL-6 e TNF-alfa e hanno un impatto positivo su depressione, ansia, cognizione e dolore. Infine, lo yoga e altre pratiche sono ben note per stimolare direttamente il nervo vago. È stato scoperto che un aumento del tono vagale è correlato alla capacità di regolare la risposta allo stress e probabilmente contribuisce alla resilienza e all’attenuazione dei sintomi dell’umore e dell’ansia, che alla fine potrebbero ridurre i sintomi dell’infiammazione.

Un numero significativo di RCT è stato condotto per affrontare i possibili benefici degli MBI sullo stato infiammatorio di individui sani e malati. Un effetto positivo di un intervento sullo stile di vita basato sullo yoga è stato dimostrato in RCT su gruppi di individui sani esposti a rischi professionali da tre gruppi indipendenti di ricercatori in India. C’era solo una leggera induzione di fattori pro-infiammatori osservati dopo 12 settimane di allenamento yoga regolare rispetto a un gruppo di controllo di praticanti non yoga, in cui l’induzione di fattori pro-infiammatori era significativamente più alta. Ciò suggerisce che la pratica regolare dello yoga può proteggere dalle malattie infiammatorie e dai fattori di rischio metabolico.

Un altro esempio del ruolo profilattico dello yoga viene dagli studi sulla sindrome metabolica (MetS), che è una precondizione ben nota associata al diabete e alle malattie cardiovascolari, definita da aumento della pressione sanguigna, glicemia alta, eccesso di peso corporeo e aumento del livello di numerosi fattori biochimici proinfiammatori. In diversi studi randomizzati recenti condotti in modo indipendente a Hong Kong e in India, è stato dimostrato che i sintomi di MetS sono diminuiti dopo 12 settimane di pratiche yoga regolari nello studio in India e dopo un anno a Hong Kong. In India, nell’intervento sono state incluse anche scelte più sane nella dieta (interventi dietetici). In entrambi i casi, si è concluso che lo yoga e gli interventi dietetici possono avere un ruolo importante nella prevenzione delle condizioni infiammatorie.

Nel caso di patologie già sviluppate, lo yoga potrebbe aiutare a ridurre le condizioni infiammatorie post-trattamento e quindi accelerare il processo di guarigione. In due studi indipendenti di yoga su sopravvissuti al cancro al seno (presso la Ohio State University (OSU) e l’Università della California, Los Angeles (UCLA)), è stato riportato che c’era una ridotta attività di NF-kB, un aumento dei fattori di trascrizione antinfiammatori, aumento delle citochine proinfiammatorie e anche miglioramenti nei sintomi come affaticamento persistente e vitalità nel gruppo assegnato a 12 settimane di lezioni di yoga riparativo hatha (OSU) o Iyengar (UCLA) di 90 minuti due volte alla settimana, rispetto al gruppo di controllo. Tali miglioramenti sono preziosi per questa popolazione, poiché è noto che i sopravvissuti al cancro hanno più del doppio delle probabilità rispetto agli individui senza una storia di cancro di avere questi sintomi associati a cattive condizioni di salute e disabilità.

Un altro esempio di terapia complementare/aggiuntiva basata sullo yoga è la ricerca su pazienti con artrite reumatoide (AR), che è una grave malattia infiammatoria cronica del sistema che colpisce sia la salute psicologica che fisica. La depressione in comorbilità è un importante fattore psicosomatico in questa condizione, che interferisce negativamente con il processo di guarigione. In un recente studio del prestigioso All India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi che ha confrontato lo yoga più i farmaci per l’AR rispetto ai soli farmaci per l’AR, l’aggiunta della pratica yoga al trattamento convenzionale dell’AR ha ristabilito la tolleranza immunologica, mostrata a livello molecolare e cellulare, insieme con una significativa riduzione del punteggio di depressione. Miglioramenti significativi sono stati osservati nei pazienti con AR dopo sole otto settimane di pratica yoga che includeva esercizi, respirazione e pratiche di meditazione rispetto a un gruppo di controllo.

In sintesi, c’è un numero crescente di prove di ricerca sull’effetto positivo dello yoga, di altre pratiche mente-corpo, di uno stile di vita sano yogico e della dieta sulle condizioni infiammatorie. È stato dimostrato che i praticanti di yoga e meditazione a lungo termine mostrano cambiamenti immediati nell’espressione genica più forti rispetto ai praticanti a breve termine, il che a sua volta evoca i benefici per la salute a valle. Tuttavia, il “tallone d’Achille” di qualsiasi approccio comportamentale è il suo bisogno di disciplina, impegno e partecipazione attiva da parte del paziente, in contrasto con gran parte della medicina allopatica convenzionale in cui i farmaci e le cure vengono solitamente somministrati al paziente. A questo proposito, il ruolo della cura di sé del paziente e delle strategie comportamentali è molto importante per il successo nell’affrontare l’insorgenza diffusa di condizioni infiammatorie e infiammatorie.

Naila Omar Khayyam Alieva (Raj Kaur), PhD, è yogi e scienziata. È un’istruttrice di Kundalini yoga certificata e praticante di terapia del suono Gong. Naila insegna Kundalini Yoga e organizza eventi e workshop di yoga a Singapore. È anche ricercatrice attiva presso l’Institute of Molecular and Cell Biology, A*STAR, Singapore.

Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D. è Direttore della ricerca del KRI, Direttore della ricerca per il Centro Kripalu per lo Yoga e la Salute e Professore Associato di Medicina alla Harvard Medical School. Ha praticato uno stile di vita Kundalini Yoga dal 1973 ed è un istruttore di Kundalini Yoga certificato KRI. Ha condotto ricerche sullo yoga per l’insonnia, lo stress, i disturbi d’ansia e lo yoga nelle scuole pubbliche. È redattore capo dell’International Journal of Yoga Therapy e The Principles and Practice of Yoga in Health Care e autore dell’ebook della Harvard Medical School Your Brain on Yoga.

Teacher

Lascia un commento