Di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Il mal di schiena è caratterizzato da dolore muscolare, che può includere anche dolore lancinante che si irradia lungo le gambe e flessibilità o libertà di movimento limitate della schiena e del collo. A causa dell’ampio spettro di sintomi, il mal di schiena può ricevere una varietà di diagnosi come sciatica o ernia del disco. La forma anonima che manca di una diagnosi precisa è chiamata lombalgia (LBP). Il LBP è una delle principali cause di assenza dal lavoro ed è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica nelle società industrializzate. La condizione è ampiamente prevalente con un massimo dell’85% delle persone che sperimentano almeno un certo grado di mal di schiena nel corso della loro vita. Sebbene il 90% di tutti i pazienti con LBP acuto guarisca rapidamente senza alcun trattamento specifico, il restante 10% è a rischio di sviluppare dolore cronico e disabilità. La lombalgia cronica è un grande onere per il sistema sanitario con alti costi economici aggravati da un numero considerevole di giorni di perdita di produttività all’anno.

Anche la qualità della vita di un individuo è influenzata a causa della mobilità ridotta e dell’incapacità di prendere parte alle attività quotidiane. Questo spesso porta a una diminuzione dell’autostima e alla depressione. Sfortunatamente, i metodi convenzionali di trattamento sono solo modestamente efficaci. L’esercizio fisico è uno dei pochi trattamenti comprovati per la lombalgia cronica, tuttavia i suoi benefici sono spesso molto piccoli. Altre opzioni di trattamento oltre ai farmaci, includono la manipolazione spinale, l’agopuntura, il massaggio e lo yoga.

Il LBP è la condizione più comune per la quale vengono utilizzate terapie complementari con più della metà dei pazienti con LBP negli Stati Uniti che utilizzano opzioni di trattamento complementari. Dei 15 milioni di adulti americani che hanno praticato yoga almeno una volta, il 20% di questi usa lo yoga esplicitamente per alleviare il mal di schiena. In effetti, anche le linee guida dell’American Pain Society raccomandano ai medici di considerare di offrire lo yoga ai pazienti con LBP cronico. Molti dei fattori che contribuiscono allo sviluppo del mal di schiena possono essere affrontati da un intervento terapeutico di yoga. Il nostro moderno stile di vita sedentario e carico di stress ha in parte contribuito all’aumento della prevalenza del mal di schiena. L’assenza di attività fisica indebolisce i muscoli, rendendoli incapaci di sostenere il normale peso strutturale, e lo stress cronico produce muscoli corti e tesi che limitano la gamma di movimento, che può portare a mal di schiena. Inoltre, l’aumento dell’obesità e le occupazioni che richiedono il sollevamento di carichi pesanti sono tutti fattori di rischio che possono scatenare il mal di schiena. Lo yoga può essere una terapia benefica per il mal di schiena perché comporta il movimento fisico insieme ai benefici aggiuntivi della concentrazione mentale e della riduzione dello stress.

Infatti, gli esercizi di yoga riducono il danno fisico aumentando la forza muscolare e la flessibilità. Lo yoga aumenta anche la consapevolezza corporea consapevole e l’autoefficacia che possono contribuire a ridurre i fattori di rischio di una postura scorretta e di movimenti e attività muscolare inappropriati. Lo yoga è particolarmente noto come un metodo efficace per ridurre lo stress psicologico. Nello specifico, lo yoga migliora la funzione neuroendocrina normalizzando le azioni dei sistemi di stress, compreso il cortisolo dall’asse ipotalamico-pituitario surrenale (HPA) e l’adrenalina e l’attivazione simpatica dal sistema nervoso autonomo. Sebbene sia probabile che il mal di schiena sia considerato un disturbo puramente muscolare e meccanico, il ruolo dello stress, dell’umore e della percezione del dolore contribuiscono sostanzialmente all’esperienza del mal di schiena. In effetti, in qualche modo sorprendentemente, la consapevolezza e la meditazione hanno dimostrato di avere un potenziale terapeutico nel trattamento del mal di schiena. I pazienti con mal di schiena in un recente intervento MBSR (Mindfulness-Based Stress Reduction) nel 2015, pubblicato sul prestigioso Journal of the American Medical Association, hanno mostrato una significativa diminuzione dell’intensità del dolore insieme a un miglioramento dei punteggi della qualità della vita fisica e mentale. Pertanto, è probabile che stili / pratiche yoga più tradizionali che includono la meditazione come componente chiave siano una strategia di trattamento migliore rispetto all’uso di soli esercizi di yoga fisico.

Nella prima meta-analisi e revisione della ricerca sull’efficacia dello yoga per il LBP, Cramer et al. includeva un’analisi di 10 studi randomizzati controllati (RCT) fino a gennaio 2012 che comprendeva 967 pazienti con lombalgia cronica. La maggior parte degli studi presentava un basso rischio di bias, il che ci dà maggiore fiducia nella validità dei risultati. Sei degli RCT provenivano dagli Stati Uniti, 2 dal Regno Unito e 2 dall’India. Sebbene la maggior parte dei pazienti fossero donne caucasiche adulte, gli studi indiani includevano asiatiche e alcuni studi statunitensi hanno esaminato le minoranze etniche, rendendo così i risultati della revisione applicabili alla maggior parte dei pazienti con LBP. Gli studi esaminati variavano negli stili di yoga utilizzati, ma tutti hanno confrontato lo yoga con gli interventi di controllo e hanno rivelato prove evidenti di efficacia a breve termine e prove moderate dell’impatto a lungo termine dello yoga sui pazienti con mal di schiena cronico. Sorprendentemente, non c’erano prove statisticamente significative per effetti a breve oa lungo termine sulla qualità della vita correlata alla salute. D’altra parte, lo yoga non è stato associato a gravi eventi avversi, il che lo rende una valida alternativa al trattamento farmacologico convenzionale che spesso comporta effetti collaterali negativi.

Uno degli studi esaminati è stato un documento fondamentale pubblicato negli Annals of Internal Medicine nel 2005. In questo studio di controllo randomizzato a 3 bracci (RCT), 101 adulti con lombalgia cronica sono stati trattati con sessioni di 12 settimane di yoga, esercizi terapeutici convenzionali o un libro di cura di sé, per determinare l’efficacia relativa. Gli intervistatori che erano ciechi rispetto al trattamento hanno condotto interviste telefoniche al basale ea 6, 12 e 26 settimane dopo l’inizio dello studio. I risultati dello studio hanno suggerito che lo yoga è un metodo di trattamento efficace per il mal di schiena cronico che ha avuto benefici a lungo termine. Inoltre, l’uso di farmaci, che era simile tra i gruppi al basale, è diminuito più drasticamente nel gruppo di yoga. Solo il 21% dei partecipanti al gruppo yoga ha riferito di aver fatto uso di farmaci durante la settimana prima dell’intervista di 26 settimane rispetto al 50% nel gruppo di esercizi e al 59% nel gruppo di libri. Una limitazione comune a questi studi di intervento comportamentale è il bias di osservazione, ma poiché in questo caso gli intervistatori erano ciechi rispetto all’assegnazione del trattamento, questo bias è stato ridotto al minimo. Inoltre, l’ampia dimensione del campione consente affermazioni conclusive, anche se preliminari, sull’efficacia e la sicurezza dello yoga come intervento in questa popolazione.

Ricerche più recenti che valutano lo yoga per il mal di schiena cronico hanno studiato se risultati simili si osservano in popolazioni più diverse. Nel 2009, il team di ricerca di Robert Saper presso la Boston University School of Medicine, insieme a Karen Sherman e ai loro colleghi, ha condotto un nuovo studio incentrato sulle popolazioni minoritarie. Ciò è significativo perché, nonostante l’aumento della popolarità dello yoga negli Stati Uniti, è molto meno comune tra le minoranze e gli individui con redditi o istruzione inferiori. In questo RCT pilota, 30 adulti con un’età media di 44 anni, l’83% dei quali donne e appartenenti a minoranze razziali o etniche, sono stati assegnati in modo casuale a un protocollo standardizzato di 12 settimane di lezioni di Hatha yoga o a un gruppo di controllo in lista d’attesa per le cure abituali. I partecipanti allo yoga hanno avuto una riduzione statisticamente significativa dell’intensità del dolore e dei farmaci dopo 12 settimane rispetto al gruppo di controllo. Oltre il periodo di intervento di 12 settimane, tuttavia, la fidelizzazione dei partecipanti è stata scarsa e i partecipanti hanno cercato trattamenti diversi dallo yoga, quindi potrebbe essere necessario fornire un supporto continuo al trattamento yoga in questa popolazione.
La maggior parte degli studi fino ad oggi si sono concentrati quasi esclusivamente sul LBP cronico e non specifico, e quindi si sa poco sull’efficacia dello yoga nel trattamento delle condizioni muscoloscheletriche e del dolore in altre aree della schiena. In uno studio pubblicato nel 2011 sullo Yoga & Physical Therapy Journal, Lynn Schultz insieme a Sat Bir S. Khalsa e colleghi hanno studiato il potenziale dello yoga per migliorare una vasta gamma di disturbi del mal di schiena. Lo studio era composto da 24 adulti con una denuncia di mal di schiena cronico che hanno frequentato un programma di 12 settimane di lezioni settimanali di yoga di gruppo basato sul sistema della Krishnamacharya Healing Yoga Foundation (KHYF), una scuola nota per la sua specializzazione in yogaterapia che include asana, pranayama, rafforzamento del core, meditazione, bhavana (visualizzazione) e mantra. I partecipanti si esercitavano regolarmente anche a casa e tenevano un diario. I risultati hanno dimostrato che le lezioni di yoga miglioravano significativamente la qualità della vita, diminuivano disabilità e dolore e miglioravano il funzionamento fisico e l’umore. I soggetti hanno riportato sentimenti meno depressivi, rabbia, affaticamento e confusione, indicando che lo yoga può non solo migliorare il mal di schiena stesso, ma anche i sintomi concomitanti.
In sintesi, gli studi fino ad oggi hanno dimostrato la forte efficacia a breve e moderata a lungo termine dello yoga nel trattamento di un’ampia varietà di condizioni di mal di schiena senza effetti collaterali negativi significativi. La ricerca futura dovrebbe affrontare i precedenti limiti di piccole dimensioni del campione, aderenza moderata e mancanza di studi a lungo termine. Forse dovrebbero anche valutare le caratteristiche di risposta alla dose e il relativo contributo all’efficacia delle diverse componenti dello yoga come le posture fisiche, le tecniche di respirazione e la meditazione. Queste prove future migliorerebbero ulteriormente la nostra conoscenza dei meccanismi alla base dello yoga nel trattamento del mal di schiena e consentirebbero ai terapisti yoga di escogitare interventi più efficaci.

Lascia un commento