Di Ishpreet Singh, MBBS e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Yoga for Hedaches
Il mal di testa si riferisce a qualsiasi dolore nella regione della testa e/o del collo. Le cefalee possono essere classificate in due grandi categorie: primarie, che includono cefalea tensiva, emicrania e cefalea a grappolo, o secondarie, che sono sintomi dovuti alla presenza di un’altra condizione o disturbo. Secondo il National Institutes of Health, il mal di testa di tipo tensivo è la forma più comune di mal di testa primario. Lo stress emotivo sul lavoro oa scuola, la tensione fisica e l’affaticamento del collo o della schiena dovuti a una postura scorretta sono tra alcune delle cause più comuni di mal di testa di tipo tensivo. Secondo le stime di prevalenza pubblicate di cefalea di tipo tensivo, la forma episodica colpisce il 38,3% della popolazione statunitense e la forma cronica colpisce il 2,2-3% della popolazione statunitense, mentre l’emicrania colpisce 29,5 milioni di americani con una maggiore prevalenza tra le donne ( 17 per cento) rispetto agli uomini (6 per cento).

L’emicrania è caratterizzata da una forte intensità del dolore su uno o entrambi i lati con una sensazione pulsante ed è spesso accompagnata da nausea e sensibilità alla luce e/o al suono. Le emicranie sono classificate come “con aura” o “senza aura”. È fermamente creduto che i cambiamenti nei vasi sanguigni, l’interruzione del sistema endocrino e alcuni aspetti del metabolismo possano creare una disfunzione nel flusso sanguigno cerebrale che è la causa dell’emicrania o del mal di testa primario.Il trattamento più comunemente usato per il mal di testa continua ad essere farmaceutico I farmaci per il mal di testa di tipo tensivo sono costituiti da analgesici, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e farmaci oppiacei.I farmaci per chi soffre di emicrania sono divisi in due categorie: farmaci per il trattamento degli attacchi acuti e altri farmaci quotidiani per ridurre la frequenza e gravità degli attacchi preventivamente oltre alle iniezioni di tossina botulinica (Botox) di tipo A che funzionano come un potente inibitore del tono muscolare.

C’è una buona dose di conoscenza esistente per quanto riguarda le cause del mal di testa. Per l’emicrania, alcuni fattori come depressione/ansia, uso eccessivo di farmaci, scarso sonno e stress elevato sono associati a esiti peggiori. Lo stress è considerato uno dei fattori scatenanti più comuni dell’emicrania e un fattore importante nella progressione del mal di testa da episodico a cronico. Lo stress cronico comporta un’ipereccitazione del sistema nervoso autonomo e crea uno squilibrio tra i suoi due rami aumentando l’attività del sistema nervoso simpatico, contribuendo così all’interruzione del normale stato di equilibrio essenziale per la salute e il benessere. Come sappiamo, lo stress e l’ansia sono fattori di rischio modificabili e sono stati introdotti interventi comportamentali convenzionali legati al rilassamento psicologico mirati a questi fattori nelle persone che vivono con mal di testa cronico.

Come strategia ben nota ed efficace per la gestione dello stress, lo yoga è ovviamente ben posizionato come un trattamento candidato promettente. La terapia yoga per l’emicrania si concentra generalmente sulla prevenzione degli episodi di insorgenza, che include non solo l’affrontare la riduzione dello stress ma anche l’evitare le varie cause degli attacchi. Il movimento fisico con una maggiore consapevolezza del corpo nella pratica dello yoga può ridurre le abitudini di adozione di posture fisiche problematiche e disadattive. È anche noto che la percezione e la regolazione del dolore in generale sono modulate in modo più efficace nei praticanti di yoga. Vi sono anche prove di riduzione dei marcatori fisiologici sia dell’infiammazione che dello stress. Specificamente rilevanti per i benefici nell’affrontare i sintomi del mal di testa, gli interventi basati sullo yoga sono stati associati a una diminuzione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca. Diminuendo entrambe queste variabili cardiovascolari, gli interventi basati sullo yoga consentono potenzialmente al cuore di lavorare in modo più efficiente, contribuendo così a un afflusso di sangue più efficiente al cervello e a una ridotta attività del sistema nervoso simpatico. Lo yoga può anche contribuire ad alcuni cambiamenti comportamentali che influiscono positivamente sul mal di testa. Questi possono includere un aumento della rete sociale o un aumento dell’attività fisica regolare. Anche i cambiamenti psicologici, come l’aumento dello stato mentale positivo, possono contribuire a meccanismi di coping più efficaci e a una maggiore accettazione/tolleranza del dolore. Data la logica scientifica di cui sopra, non sorprende che ci siano stati numerosi studi clinici che riportano l’efficacia dello yoga nel trattamento del mal di testa.

Forse il primo studio relativo allo yoga nel 1981 ha confrontato savasana (posizione del cadavere) da solo con un intervento di biofeedback e ha scoperto che la postura yoga era equivalente all’intervento di biofeedback, coerentemente con ricerche precedenti che hanno riscontrato che anche la pratica simile del rilassamento progressivo è in qualche modo efficace . Questo è stato seguito un decennio dopo da una pubblicazione del Journal of Neurology India nel 1991 di uno studio randomizzato controllato (RCT) ben condotto in cui 47 pazienti sono stati assegnati alla terapia yoga e 38 alla terapia farmacologica per il mal di testa da tensione. I risultati dello studio hanno indicato che lo yoga e il trattamento farmacologico erano entrambi ugualmente efficaci nel ridurre significativamente la durata, l’intensità e la frequenza del mal di testa. Anche depressione e ansia hanno mostrato un calo significativo in entrambi i trattamenti. Tuttavia, l’entità del miglioramento è stata significativamente maggiore nel gruppo yoga rispetto al gruppo farmaco. Un anno dopo, il ricercatore di yoga Dr. Latha a Chennai ha pubblicato un piccolo RCT con 20 pazienti affetti da emicrania e cefalea tensiva in cui il gruppo di terapia yoga ha riportato riduzioni delle caratteristiche del mal di testa (es. intensità, durata e frequenza) e dell’assunzione di farmaci. In confronto, il gruppo di controllo ha riportato un aumento dei sintomi. Entrambi questi ultimi 2 studi sono stati incoraggianti non solo per quanto riguarda i sintomi del mal di testa, ma hanno anche rilevato importanti fattori legati al meccanismo e allo stile di vita rilevanti per lo yoga per il mal di testa.

Altri studi degni di nota e più recenti includono un ampio studio sui malati di emicrania pubblicato nel 2007 sulla rivista Headache, in cui 72 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a una terapia yoga, che includeva posizioni yoga, pranayama e neti kriya (pulizia dell’acqua nasale) o un gruppo di auto-cura per tre mesi. Il gruppo di terapia yoga ha dimostrato una frequenza di cefalea più bassa e una valutazione del dolore inferiore rispetto al gruppo di cura di sé. Inoltre, i punteggi di ansia e depressione erano significativamente più bassi nel gruppo yoga. La rivista Pain Management Nursing nel 2014 ha pubblicato uno dei pochissimi studi statunitensi sullo yoga per il mal di testa. Ciò è stato fatto in una popolazione pediatrica con 7 partecipanti di età compresa tra 11 e 18 anni che utilizzavano lo yoga basato sull’allineamento. Ha riportato un miglioramento della qualità della vita (riferito dai genitori), punteggi di funzionamento quotidiano (auto-riferiti dai genitori) e una diminuzione dei punteggi di ansia di stato (auto-riferiti). Oltre a fornire un supporto positivo per l’efficacia dello yoga, alcuni studi hanno ulteriormente valutato i potenziali meccanismi coinvolti. Ad esempio, uno studio controllato del 2007 presso il prestigioso All India Institute of Medical Sciences di Delhi ha condotto una prova di efficacia dimostrando il coinvolgimento dello spasmo muscolare nel mal di testa da tensione, dimostrando che l’intervento yoga ha ridotto sia i punteggi del dolore che l’attività muscolare misurata dall’elettromiogramma. Un altro studio indiano ha dimostrato cambiamenti sia nella frequenza che nell’intensità del mal di testa con un trattamento yoga, mostrando anche cambiamenti nel tono vagale e nell’attività simpatica coerenti con la downregulation dell’attivazione autonomica. Uno studio più recente di un gruppo di ricerca iraniano ha riportato miglioramenti nel mal di testa con lo yoga ma non ha osservato cambiamenti ipotizzati nei livelli di ossido nitrico. Nel complesso, questi studi hanno tutti fornito supporto e prove preliminari per il potenziale utilizzo dello yoga per il mal di testa e per i possibili meccanismi coinvolti nel beneficio dello yoga.

I limiti della letteratura di ricerca in questo campo includono l’assenza di gruppi di controllo e disposizioni per ridurre potenziali distorsioni nel disegno della ricerca, relativamente pochi RCT, descrizione inadeguata dei metodi e della pratica yoga all’interno degli RCT e piccole dimensioni del campione. Le misure di esito erano anche per lo più valutazioni soggettive dei pazienti. Come per gran parte della ricerca preliminare sullo yoga, mancano anche dati di follow-up a lungo termine che mettano alla prova la durata dell’effetto del trattamento. C’è anche bisogno di informazioni sulla durata della partecipazione allo yoga, o “dose”, richiesta per il beneficio. Tuttavia, nonostante queste limitazioni, l’evidenza preliminare che la terapia yoga può essere un trattamento efficace per l’emicrania e il mal di testa di tipo tensivo è incoraggiante.

Ishpreet Singh
Ishpreet Singh è un medico e ricercatore del Dayanand Medical College in India. Ha lavorato a lungo in India e negli Stati Uniti con individui con problemi di salute mentale e neurologici ed è incline a integrare i metodi yogici e di meditazione orientali nella medicina tradizionale. È un appassionato praticante di Kundalini Yoga e meditazione e lo porta come strumento per aiutare le persone a guarire, affrontando le cause più profonde di malattie e malattie.

Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.
Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D. è Direttore della ricerca del KRI, Direttore della ricerca per il Centro Kripalu per lo Yoga e la Salute e Professore Associato di Medicina alla Harvard Medical School. Ha praticato uno stile di vita Kundalini Yoga dal 1973 ed è un istruttore di Kundalini Yoga certificato KRI. Ha condotto ricerche sullo yoga per l’insonnia, lo stress, i disturbi d’ansia e lo yoga nelle scuole pubbliche. È redattore capo dell’International Journal of Yoga Therapy e The Principles and Practice of Yoga in Health Care e autore dell’ebook della Harvard Medical School Your Brain on Yoga.

Lascia un commento