di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D

Parkinson’s Disease
Il morbo di Parkinson (PD) è un disturbo neurologico progressivo caratterizzato da tremori, rigidità o lentezza nei movimenti, sebbene i sintomi possano variare notevolmente nei pazienti. I sintomi possono iniziare su un lato del corpo e peggiorare su quel lato, anche quando i sintomi sono bilaterali. I fattori di rischio per la malattia includono l’esposizione a determinate tossine ambientali, la vecchiaia e l’avere un parente con PD. Infatti, i ricercatori hanno identificato specifiche mutazioni genetiche che causano il PD, ma queste sono rare tranne che nei rari casi di familiari colpiti dalla malattia. Quasi un milione di americani vivrà con PD entro il 2020 e gli uomini hanno 1,5 volte più probabilità di avere PD rispetto alle donne. Nella malattia di Parkinson, alcuni neuroni nel cervello si rompono o muoiono gradualmente e molti sintomi sono dovuti alla perdita di quei neuroni, che sono responsabili della produzione di un messaggero chimico chiamato dopamina. Anche i grumi di sostanze microscopiche all’interno delle cellule cerebrali chiamate corpi di Lewy sono un importante marker della malattia. Il trattamento farmacoterapico convenzionale è sintomatico e aumenta o sostituisce la dopamina. Sebbene i farmaci aiutino i pazienti a gestire i loro problemi di movimento e controllare i tremori, l’efficacia dei farmaci diminuisce nel tempo e gli effetti collaterali includono allucinazioni, gonfiore, minzione ridotta e comportamenti compulsivi.

Dal momento che attualmente non esiste una terapia farmacologica comprovata in grado di modificare o fermare la progressione del PD, l’esercizio fisico può essere un valido complemento per gestire il declino intrinseco della malattia. Prove recenti suggeriscono che i pazienti con PD che fanno esercizio fisico potrebbero sperimentare benefici motori come una migliore mobilità, equilibrio e velocità dell’andatura, nonché miglioramenti non motori dell’umore, del sonno, della cognizione e della qualità della vita. Altre terapie complementari come massaggi, agopuntura, stimolazione cerebrale profonda, terapia genica e trattamenti a base di erbe possono offrire benefici motori e non motori simili e alleviare alcuni effetti collaterali indotti dai farmaci. In effetti, oltre il 50% dei pazienti con PD negli Stati Uniti utilizza terapie complementari o alternative in aggiunta o al posto del trattamento convenzionale. Yoga e meditazione sono tra le modalità più utilizzate. In particolare, l’efficacia percepita della meditazione è sorprendente, con l’85% dei pazienti che trova questa pratica utile per ridurre i sintomi di stress, tremore, tensione muscolare, ansia e migliorare la chiarezza del pensiero. Poiché lo yoga combina meditazione e benefici fisici dell’esercizio e della regolazione del respiro, può rivelarsi un efficace trattamento complementare al PD, certo di essere almeno efficace quanto la sola meditazione.

In un primo studio pilota randomizzato controllato (RCT) presso l’Università del Kansas, tredici pazienti con stadi lievi e moderati di PD sono stati assegnati in modo casuale a un intervento di yoga oa un gruppo di controllo. L’intervento consisteva in sessioni bisettimanali per 12 settimane. I ricercatori hanno scoperto che in appena 6 settimane, i punteggi dei pazienti sulla Unified Parkinson’s Disease Rating Scale (UPDRS), una misura clinica della qualità della vita (QOL) correlata alla salute, erano significativamente migliorati. Questo miglioramento nei punteggi UPDRS potrebbe essere spiegato da sintomi motori migliorati come diminuzione delle cadute e miglioramento dell’equilibrio, nonché sintomi non motori come diminuzione dell’ansia e dello stress. Data la natura progressiva del PD, l’assenza di deterioramento dei sintomi auto-riferiti e il miglioramento dei punteggi degli esiti clinici suggeriscono che lo yoga può essere un intervento efficace.

I ricercatori del laboratorio di Joseph Signorile presso l’Università di Miami hanno deciso di determinare in che modo lo yoga sarebbe paragonabile all’esercizio. Quarantuno (41) pazienti con PD sono stati assegnati in modo casuale a un intervento di power training (PWT), un programma di yoga ad alta velocità o un gruppo di controllo senza esercizio. Il gruppo di yoga ha praticato per un’ora, due volte a settimana per 12 settimane, e i partecipanti hanno tenuto una posa statica per un respiro prima di passare rapidamente alle pose successive della serie. I ricercatori non hanno riscontrato differenze tra il gruppo yoga e il gruppo PWT, ma entrambi i programmi hanno migliorato significativamente le prestazioni fisiche su una varietà di misure di esito come equilibrio, velocità di camminata e rischi di caduta nei pazienti con PD più anziani (60-90 anni). Un altro studio del laboratorio di Signorile ha anche scoperto che tre mesi di un programma di yoga Power Vinyasa erano associati a una maggiore velocità di movimento, meno rigidità articolare, maggiore forza muscolare e punteggi QOL migliorati. Dati questi risultati e l’eccezionale livello di aderenza all’esercizio, questa forma di power yoga potrebbe essere un intervento praticabile per aumentare la funzione fisica nei pazienti con PD.

Ulteriori studi supportano l’uso terapeutico dello yoga come intervento riabilitativo per individui con PD. In un RCT pilota del 2018, i pazienti hanno ricevuto un intervento di Hatha Yoga di otto settimane che includeva posture, respirazione yogica (pranayama) e meditazione. Contrariamente alla ricerca menzionata in precedenza, la respirazione in questo intervento era lenta e concentrata e le posizioni venivano trattenute per più respiri. I risultati quantitativi sono coerenti con studi precedenti come il miglioramento dell’equilibrio, della funzione motoria e dell’andatura. Inoltre, i rapporti qualitativi aggiuntivi acquisiti suggeriscono una migliore mobilità domestica e comunitaria, la formazione di nuove relazioni di supporto e una maggiore facilità nel vestirsi. Questo studio supporta ulteriormente l’inclusione di un intervento yoga come riabilitazione basata sulla comunità per individui con PD.

Studi recenti di Cheung et al. presso l’Università del Minnesota si è concentrato sulla determinazione della sicurezza e della fattibilità degli interventi di yoga per i pazienti con PD. Poiché l’aumento del rischio di caduta spesso accompagna la progressione del PD, Cheung et al. ha ideato un intervento di 12 settimane di lezioni di yoga bisettimanali per affrontare le preoccupazioni uniche della popolazione PD. Ad esempio, le posture si sono concentrate sull’aumento del range di movimento della colonna vertebrale, dei fianchi e dei cingoli scapolari, che sono particolarmente colpiti dai sintomi motori del PD. Inoltre, per migliorare l’equilibrio e la sicurezza, tutti i materassini sono stati posizionati lungo i bordi della stanza vicino alle pareti dello studio in modo che i pazienti avessero un supporto aggiuntivo per le transizioni e le pose in piedi. I ricercatori hanno ritenuto fattibile il programma con il 90% dei partecipanti che frequentava più del 75% delle classi e quattro partecipanti su 19 hanno frequentato tutte le classi. Inoltre, poiché non sono stati segnalati eventi avversi, i terapisti yoga che cercano di implementare lo yoga per i pazienti con PD possono considerare le precauzioni di sicurezza impiegate in questo intervento. In un altro studio, hanno deciso di determinare l’effetto dello yoga sullo stress ossidativo poiché quest’ultimo svolge un ruolo importante nella degenerazione dei neuroni dopaminergici nel PD. Sebbene i partecipanti all’intervento yoga di 12 settimane abbiano avuto una buona aderenza e i partecipanti abbiano riferito di aver “sicuramente apprezzato” le lezioni, non c’era alcuna differenza importante nei marcatori di stress ossidativo tra l’intervento e il gruppo di controllo.

Nonostante questi risultati incoraggianti, sono necessarie ulteriori ricerche con campioni di dimensioni maggiori per scoprire i meccanismi alla base dell’azione dello yoga e per determinare l’impatto dello yoga sullo stress ossidativo nei pazienti con PD. A marzo 2018 è stata recentemente completata una prova imminente che confronta lo yoga con lo stretching e l’allenamento di resistenza. L’esito principale di questo studio sarà il livello di disagio psicologico misurato utilizzando la scala dell’ansia e della depressione dell’ospedale e quindi ci aiuterà ad ampliare la nostra comprensione della capacità dello yoga di affrontare il disagio psicologico tra i pazienti con malattie neurodegenerative croniche.

Nikhil Rayburn
Nikhil Rayburn è cresciuto praticando yoga sotto gli alberi di mango ai tropici. È un insegnante di Kundalini Yoga certificato e ha insegnato yoga a bambini e adulti nel Vermont, New Mexico, Connecticut, India, Francia e Mauritius. Collabora regolarmente alla newsletter del Kundalini Research Institute ed esplora l’attuale ricerca sullo yoga.

Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.
Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D. è Direttore della ricerca del KRI, Direttore della ricerca per il Centro Kripalu per lo Yoga e la Salute e Professore Associato di Medicina alla Harvard Medical School. Ha praticato uno stile di vita Kundalini Yoga dal 1973 ed è un istruttore di Kundalini Yoga certificato KRI. Ha condotto ricerche sullo yoga per l’insonnia, lo stress, i disturbi d’ansia e lo yoga nelle scuole pubbliche. È redattore capo dell’International Journal of Yoga Therapy e The Principles and Practice of Yoga in Health Care e autore dell’ebook della Harvard Medical School Your Brain on Yoga.

Lascia un commento