Di JanSev Singh e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D

La ricerca sul valore terapeutico dello yoga è cresciuta rapidamente, inclusi studi di ricerca che stanno diventando più rigorosi nella progettazione della ricerca e studi che stanno valutando malattie mai valutate prima. Se avessi chiesto solo un decennio fa se lo yoga avrebbe potuto essere utile per condizioni psichiatriche più gravi come l’autismo, la psicosi o la schizofrenia, la risposta sarebbe stata probabilmente un’assolutamente negativa o almeno un’espressione di forte scetticismo. Tuttavia, l’efficacia dello yoga come terapia sembra non conoscere limiti e ora emergono prove credibili a favore dello yoga per il trattamento di tali disturbi, in particolare per il disturbo psicotico schizofrenia.

Cosa sono i disturbi psicotici?

Un disturbo psicotico si riferisce a una funzione anormale o squilibrata dello stato mentale di un individuo con tendenze deliranti e paranoiche, nonché depressione, disfunzioni sociali, irregolarità endocrine e mancanza di motivazione. La schizofrenia e la psicosi si distinguono tra i disturbi psicotici elencati nel DSM-V (il testo di riferimento clinico ampiamente accettato per le diagnosi psichiatriche) per i loro sintomi altamente debilitanti e la continua lotta per fornire un trattamento efficace. La prevalenza della schizofrenia è di circa 5 persone colpite su 1.000 e oltre il 60% dei pazienti con diagnosi di schizofrenia ha sintomi ricorrenti per tutta la vita. La mancanza di comprensione della schizofrenia rende il disturbo un peso da diagnosticare, per non parlare di trattare. I fattori di rischio includono la predisposizione genetica di un individuo, l’esposizione a sostanze chimiche, prodotti farmaceutici e droghe ricreative e un basso stato socioeconomico.

Poiché i fattori causali alla base della schizofrenia non sono ancora completamente noti, la migliore linea d’azione per i medici è mirare al controllo dei sintomi. I trattamenti di terapia farmacologica hanno fatto progressi significativi, soprattutto con i cosiddetti sintomi “positivi” come deliri e allucinazioni, mentre i sintomi “negativi” (amotivazione e depressione) così come i sintomi cognitivi tendono a persistere. Inoltre, è noto che la farmacoterapia per la schizofrenia causa altre complicazioni sia cliniche che psicologiche, portando al desiderio di possibili trattamenti comportamentali efficaci che eliminino sia gli effetti collaterali che i problemi di conformità con i farmaci. Dato che la terapia yoga ha dimostrato di migliorare la regolazione delle emozioni, la cognizione, la funzione endocrina e il metabolismo così come la disfunzione mestruale, non sorprende che sia stata considerata per i disturbi psicotici. A quanto pare, lo yoga sembra avere potenziali benefici per la schizofrenia. Negli ultimi sei anni sono state pubblicate oltre una dozzina di studi di ricerca che valutano lo yoga come trattamento primario o aggiuntivo per questo disturbo, molti dei quali sono stati condotti dal team di ricerca del Dr. BN Gangadhar presso l’Advanced Center for Yoga, Mental Health and Neurosciences all’interno del prestigioso National Institute of Mental Health and Neurosciences a Bengaluru, in India, che è il principale istituto di ricerca e trattamento psichiatrico dell’India. In effetti, la quantità di questa ricerca ha portato alla pubblicazione di almeno tre documenti di revisione che riassumono questa evidenza, sebbene, dato il numero limitato di studi, la maggior parte dei quali di natura preliminare, al momento sono possibili solo modeste conclusioni di efficacia .

Ricerca yoga per pazienti schizofrenici

In uno studio del gruppo di Gangadhar pubblicato nel 2012, i pazienti schizofrenici sono stati testati utilizzando una scala dei sintomi positivi e negativi all’inizio di uno studio di quattro mesi. Durante i quattro mesi un gruppo ha praticato 45 minuti di yoga quasi ogni giorno mentre un altro gruppo no. Il gruppo che praticava yoga ha mostrato miglioramenti, sulla base di un rapporto sulla scala dei sintomi negativi, del 35% dei pazienti, mentre meno del 10% dei pazienti che non praticavano yoga ha mostrato miglioramenti. Altri studi incentrati sullo yoga come terapia aggiuntiva hanno mostrato miglioramenti nelle scale dei sintomi sia negativi che positivi e persino nelle scale della qualità della vita. Sebbene i meccanismi biologici di come funziona lo yoga non siano del tutto noti, i ricercatori hanno identificato alcune possibili spiegazioni attraverso risultati sperimentali.

I pazienti schizofrenici tendono a mostrare deficit cognitivi sociali. Resta inteso che un particolare ormone, l’ossitocina, modula la cognizione sociale migliorando l’elaborazione di segnali emotivi sociali positivi. Gli individui con bassi livelli di ossitocina mostrano un funzionamento sociale compromesso, come si vede negli individui con diagnosi di autismo. Uno studio incentrato sui livelli di ossitocina e sulla cognizione sociale ha indicato che lo yoga ha migliorato i livelli di ossitocina nei pazienti schizofrenici che erano anche sottoposti a terapia farmacologica. Una spiegazione di come lo yoga influenzi i livelli di ossitocina è attraverso la stimolazione del nervo vago, che negli animali è stato correlato con un aumento dei livelli di ossitocina. Sebbene l’impatto del trattamento yoga sia stato riportato nelle scale dei sintomi “negativi”, ci sono anche studi che riportano il miglioramento delle tendenze anche nelle scale dei sintomi positivi.

Supportato solo da pochi studi, lo yoga potrebbe anche rivelarsi un trattamento utile per i pazienti affetti da psicosi come trattamento aggiuntivo o aggiuntivo nei pazienti trattati contemporaneamente con antipsicotici. Clinicamente, lo yoga sembra essere più utile nel promuovere la qualità della vita e alleviare i sintomi negativi come la disfunzione sociale e la depressione. In uno studio, i pazienti psicotici in un gruppo di pratica yoga hanno mostrato miglioramenti paragonabili nelle misure dei sintomi negativi a quelli che si esercitavano, ma le valutazioni della depressione del gruppo yoga sono migliorate più nettamente rispetto a quelle del gruppo di esercizi. Studi di ricerca futuri potrebbero mirare a impiegare pratiche a lungo termine per confrontare lo yoga con l’esercizio al fine di rivelare maggiori differenze tra queste due forme di terapia aggiuntiva, come altri studi hanno già fatto nella ricerca sulla non psicosi.

Lo yoga offre un approccio all’assistenza sanitaria che molti ricercatori e professionisti allopatici devono ancora comprendere appieno, esercitando i suoi benefici terapeutici sulla connessione e l’interfaccia tra la mente e il corpo. Fortunatamente ci sono clinici pionieri ispirati e ricercatori biomedici dedicati al progresso della terapia yoga come trattamento clinico accettato. Tuttavia, come la ricerca su altri interventi comportamentali e psicologici, la ricerca sullo yoga presenta significative sfide scientifiche e tecniche, inclusa la dipendenza da misure “soggettive” e la possibile influenza di molteplici variabili confondenti nell’intervento. Ad esempio, un punto di forza dello studio in cui è stato riportato che l’ossitocina è elevata dalla pratica dello yoga è l’uso di una misura biochimica “oggettiva”. Tuttavia, un altro possibile meccanismo attraverso il quale i pazienti potrebbero essere migliorati in questo studio è l’esposizione sociale derivante dalla partecipazione a una lezione di yoga. Affrontare questo problema richiede perfezionamenti/miglioramenti nel disegno sperimentale per controllare questa variabile. Una volta che il volume delle prove della ricerca clinica diventa convincente e i meccanismi psicofisiologici sottostanti sono più chiaramente compresi, il trattamento yoga può alla fine diventare una prescrizione di routine per varie condizioni da parte degli operatori sanitari e, almeno in alcuni casi, non solo come trattamento aggiuntivo.

Lascia un commento