Di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Il diabete mellito di tipo 2 (DM2), chiamato anche diabete dell’età adulta, è una malattia metabolica precedentemente diagnosticata solo nella mezza età, ma che ora colpisce i giovani adulti e persino i bambini. Questo disturbo è caratterizzato da difetti nella produzione e nell’azione dell’insulina, con conseguente aumento dei livelli di glucosio nel sangue, che possono portare a gravi conseguenze mediche. Le complicanze a lungo termine del diabete rappresentano un numero maggiore di casi adulti di perdita della vista, malattia renale allo stadio terminale e amputazioni rispetto a qualsiasi altra malattia. Inoltre, il diabete aumenta significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e può essere collegato al cancro. Il DM2 è in gran parte una malattia dello stile di vita causata da un’attività fisica inadeguata, diete ricche di cibi altamente trasformati e zuccheri raffinati e livelli elevati di stress vitale. Ventotto milioni di persone negli Stati Uniti hanno DM2 e più di 80 milioni sono considerati ad alto rischio di svilupparlo, uno stato chiamato prediabete o sindrome metabolica. Nel mondo, si stima che oltre 350 milioni di persone abbiano il DM2, una malattia che colpisce molti paesi in via di sviluppo con risorse limitate.

Il costo elevato e l’efficacia relativamente bassa del trattamento convenzionale hanno comportato un onere economico stimato in 322 miliardi di dollari all’anno negli Stati Uniti. Il trattamento convenzionale mira a controllare i livelli di glucosio attraverso farmaci, educazione e schemi di cambiamento del comportamento. Tuttavia, il cambiamento del comportamento è notoriamente difficile da attuare perché le stesse condizioni ambientali e sociali che hanno dato origine al comportamento che causa la malattia sono ancora in atto. Gli svantaggi del trattamento farmaceutico includono dipendenza, resistenza ed effetti avversi a lungo termine. Di conseguenza, c’è stata una ricerca concentrata di trattamenti non farmaceutici e misure preventive. I trattamenti comportamentali come gli interventi sullo stile di vita che affrontano i fattori di rischio dell’obesità e dell’attività sedentaria riducono lo sviluppo del diabete fino al 58% e riducono la necessità di farmaci. Tuttavia, gli attuali interventi sullo stile di vita comportamentale convenzionale hanno un’efficacia limitata; questo è un fattore che potrebbe essere migliorato con lo yoga.

Gli interventi di yoga affrontano diversi fattori di rischio del DM2 e portano un approccio olistico tanto necessario al trattamento del DM2. Nello yoga, gli esercizi fisici sono legati allo stile di vita e ai cambiamenti comportamentali che includono dieta, rilassamento e gestione dello stress. Un aspetto meno noto dello yoga è il supporto sociale fornito da una lezione o una comunità di yoga e il supporto sociale è fortemente legato al miglioramento dell’auto-cura del diabete e ai risultati clinici. Lo yoga è meglio conosciuto per aumentare la forma fisica e la funzione fisica, migliorando così sia il metabolismo del glucosio che la salute psicologica. Allo stesso tempo, lo yoga promuove e supporta la perdita di peso e quindi affronta l’obesità, che è una delle principali cause di insorgenza e complicanze del DM2. Infine, i due risultati più benefici e coerenti dello yoga sono un aumento della consapevolezza del corpo e della mente e la capacità di affrontare lo stress. Ciò porta a una serie di effetti positivi a valle, tra cui miglioramenti nei comportamenti sani, evitamento di comportamenti malsani, migliori cicli del sonno, stato neuroendocrino equilibrato, migliore funzione metabolica e ridotte risposte infiammatorie. Esistono ricerche convincenti che dimostrano che lo yoga migliora la consapevolezza e la consapevolezza del corpo della mente, e questo potrebbe incoraggiare le persone a gravitare verso comportamenti sani come l’esercizio e scelte alimentari sane, e lontano da abitudini malsane come il consumo di cibo spazzatura. Tutto ciò è dovuto alla loro maggiore esperienza degli effetti positivi di questi comportamenti. L’evidenza suggerisce che lo stress può svolgere un ruolo importante nello sviluppo del diabete, motivo per cui le tecniche di rilassamento, come quelle che si trovano nello yoga, potrebbero fungere da complemento molto efficace ad altre modifiche dello stile di vita. Pertanto, ci sono tutte le ragioni per credere che lo yoga dovrebbe essere efficace nella prevenzione e nel trattamento del DM2.

Regolazione metabolica
Gli studi che hanno valutato gli interventi di yoga in pazienti con DM2 hanno scoperto che lo yoga ha normalizzato le funzioni metaboliche che hanno portato a una maggiore sensibilità all’insulina, tolleranza al glucosio e profili lipidici migliorati. Questi effetti benefici dello yoga sul controllo glicemico sono ben documentati. Una recente recensione sull’International Journal of Yoga Therapy ha esaminato le prove dei benefici dello yoga negli adulti con DM2. Studi peer-reviewed pubblicati tra il 1970 e il 2006 hanno esaminato gli effetti dello yoga sul diabete e sui fattori di rischio del diabete in un’ampia gamma di risultati, come resistenza all’insulina, intolleranza al glucosio, pressione sanguigna elevata e peso corporeo in eccesso. Ciascuno di questi fattori è fortemente implicato nello sviluppo e nella progressione del DM2. Nonostante la notevole variabilità nel disegno, nelle misure cliniche e nelle popolazioni target, la maggior parte degli studi ha riportato cambiamenti positivi in almeno uno degli esiti relativi al DM2 e anche negli esiti clinici. La revisione più recente della ricerca sulla terapia yoga per DM2 è stata pubblicata quest’anno da Kim Innes della West Virginia University sul Journal of Diabetes Research. I ricercatori hanno trovato 33 documenti che riportano i risultati di 25 studi controllati (12 dei quali RCT) che rappresentano 2170 soggetti di ricerca partecipanti e hanno concluso che “collettivamente, i risultati suggeriscono che le pratiche yogiche possono promuovere miglioramenti significativi in diversi indici di importanza nella gestione del DM2, incluso il controllo glicemico , livelli lipidici e composizione corporea. Dati più limitati suggeriscono che lo yoga può anche abbassare lo stress ossidativo e la pressione sanguigna; migliorare la funzione polmonare e autonomica, l’umore, il sonno e la qualità della vita; e ridurre l’uso di farmaci negli adulti con DM2.

Miglioramento del senso di benessere
In uno studio pilota condotto da Shanti Shanti Kaur Khalsa e Guru Parkash Kaur del Guru Ram Das Center for Medicine and Humanology (fondato da Yogi Bhajan a Espanola, New Mexico per applicare le pratiche del Kundalini Yoga alle popolazioni terapeutiche), hanno applicato 3 questionari per valutare l’efficacia di un programma di intervento di Kundalini Yoga e stile di vita di 8 settimane nei pazienti diabetici. Uno di questi è stato l’Audit della qualità della vita dipendente dal diabete, che misura la percezione degli individui dell’impatto del diabete sulla qualità della vita. Il miglioramento della qualità della vita è stato misurato in 9 su 11 partecipanti. La seconda scala era il Profilo degli stati d’animo, che consiste in sottoscale che misurano i seguenti stati d’animo: rabbia, confusione, depressione, stanchezza, ansia e vigore. C’è stato un miglioramento statisticamente significativo in tutti gli stati d’animo di cui sopra in seguito alla partecipazione al programma per il diabete. La terza misura è stata la Valutazione Funzionale della Terapia della Malattia Cronica – Benessere Spirituale, che misura un fattore di fede oltre che un fattore di significato e pace. C’è stato un miglioramento statisticamente significativo nel benessere spirituale in seguito alla partecipazione al programma per il diabete misurato da questa scala. La valutazione ha mostrato che la maggior parte dei partecipanti ha trovato i componenti del programma estremamente utili soprattutto nelle aree dell’umore, della gestione dello stress, della qualità della vita e della capacità di rilassarsi. Sebbene tali risultati supportino l’efficacia dello yoga come intervento terapeutico per migliorare la qualità della vita e la gestione dello stress, sono necessari studi di controllo randomizzati più ampi per corroborare i risultati.

Aiuta a controllare i livelli di glucosio
Ora c’è un numero crescente di studi con campioni di dimensioni maggiori che dimostrano che lo yoga può avere un impatto positivo sul diabete. Ad esempio, un recente studio indiano del 2015 evidenzia l’efficacia dello yoga nel controllo dei livelli di glucosio nel sangue nei pazienti con DM2. Lo studio è stato condotto presso il Dipartimento di Fisiologia e Clinica Diabetica di un ospedale universitario per un periodo di due anni. I soggetti erano 30 pazienti diabetici maschi di mezza età e altrettanti volontari non diabetici costituivano il gruppo di controllo. La significativa diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue dopo lo yoga sia nel gruppo sperimentale che in quello di controllo indica il potenziale ruolo dello yoga come strategie preventive e terapeutiche per il DM2. Inoltre, c’è qualche ragione per credere che lo yoga possa ringiovanire o rigenerare le cellule beta del pancreas che possono normalizzare la produzione di insulina.

Dati i suoi effetti positivi sulla regolazione metabolica, sul benessere fisico e sulla salute mentale, lo yoga può essere considerato una terapia aggiuntiva non invasiva e conveniente per il trattamento del DM2. Con poche eccezioni, gli studi documentano cambiamenti benefici nei partecipanti al programma yoga e suggeriscono miglioramenti in diversi indici di rischio menzionati in precedenza come tolleranza al glucosio, sensibilità all’insulina, profili lipidici, pressione sanguigna, stress ossidativo e funzione polmonare. Tuttavia, molti degli studi attuali hanno campioni di piccole dimensioni che impediscono la generalizzazione dei risultati. Il potenziale terapeutico dello yoga di fronte a un’epidemia mondiale di diabete richiede ulteriori ricerche, che richiederanno maggiori finanziamenti dalle nostre istituzioni sanitarie pubbliche. Questo probabilmente si rivelerebbe un investimento prezioso dato che il trattamento farmaceutico convenzionale presenta una serie di effetti collaterali e un’efficacia limitata. Lo yoga è potenzialmente un protocollo altamente conveniente per il trattamento e la prevenzione del DM2 poiché affronta le cause sottostanti insieme ai sintomi.

Lascia un commento