Di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

Il termine autismo è passato da una diagnosi medica relativamente oscura a una parola familiare. Il disturbo dello spettro autistico (ASD) ora include disturbi che in precedenza erano considerati separati come la sindrome di Asperger e il disturbo disintegrativo dell’infanzia. L’ASD è un disturbo dello sviluppo neurologico che compromette la capacità di un bambino di comunicare e interagire con gli altri. I sintomi variano ampiamente tra i pazienti e includono comportamenti, interessi e attività ripetitivi limitati. Inoltre, i ritardi del linguaggio sono comuni nei bambini con ASD. Sebbene le cause specifiche dell’ASD debbano ancora essere identificate, nella ricerca in letteratura sono stati identificati diversi fattori di rischio, come fattori genetici, fattori prenatali e perinatali, anomalie neuroanatomiche e fattori ambientali. Negli ultimi anni, il numero di bambini identificati con ASD è aumentato e i medici sono meglio formati per identificare l’ASD anche in età adulta. La prevalenza di questo disturbo è globale, con circa l’1-3% di tutti i bambini con diagnosi di ASD. Il suo impatto sociale è devastante.

Le opzioni di trattamento per l’ASD sono aumentate, ma la maggior parte degli interventi è guidata dai risultati e rimane fortemente dipendente dal rispetto degli standard assicurativi, spesso a scapito della soddisfazione dei molteplici bisogni sovrapposti del paziente. Inoltre, i trattamenti farmacologici convenzionali affrontano solo i sintomi esterni come irritabilità, depressione e iperattività. Gli interventi farmacologici non mostrano alcun chiaro beneficio nel trattamento dei sintomi principali e hanno noti effetti avversi. Le opzioni di trattamento non medico per la depressione e l’ansia in comorbidità nell’ASD includono principalmente la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e mentre gli studi hanno descritto gli effetti positivi di questo intervento, i ricercatori hanno anche evidenziato diversi limiti. In particolare, i guadagni della CBT possono essere relativamente di breve durata e la generalizzazione della CBT alle situazioni della vita reale sembra essere limitata. Pertanto, sono necessarie terapie olistiche che affrontino le diverse esigenze dei pazienti e facilitino l’apprendimento di abilità durature come l’autogestione e la consapevolezza sociale.

Lo yoga e la meditazione possono rivelarsi uno di questi interventi olistici. In effetti, la meditazione influisce positivamente sulle funzioni esecutive fondamentali come l’autocontrollo e la flessibilità cognitiva e questo può aiutare i pazienti a gestire meglio situazioni di elevata richiesta esecutiva. È stato dimostrato che la meditazione rafforza la connettività cerebrale interemisferica aumentando l’attivazione del Corpus Callosum, una struttura della materia bianca che collega l’emisfero cerebrale sinistro e destro. Poiché i pazienti con ASD spesso soffrono di disfunzioni dell’integrazione sensoriale, potrebbero trarre vantaggio da un trasferimento di informazioni interemisferico più efficiente e dal conseguente aumento dell’integrazione di esperienze complementari. Inoltre, la meditazione migliora i modelli di respirazione e gli studi che mostrano cambiamenti nei livelli ormonali dimostrano il potenziale della meditazione di modificare parametri e ritmi fisiologici. Altre forme tradizionali di meditazione yogica impiegano l’uso di mantra che agiscono come modulatori psicofisici della salute. Poiché lingua, musica e canto condividono le stesse reti funzionali, cantare mantra con la musica può compensare le carenze nell’acquisizione del linguaggio. Inoltre, il canto del mantra accompagnato da mudra o gesti delle mani facilita la sincronicità interemisferica, che è messa in moto da suoni vocali ritmici e schemi respiratori. Queste forme tradizionali di meditazione, che sono diventate note in occidente attraverso discipline come il Kundalini Yoga, sono più facili da seguire e da monitorare.

Oltre ai benefici del respiro, del mantra e del mudra, lo yoga include anche il movimento del corpo e la consapevolezza. L’attività fisica consente ai bambini con ASD di apprendere concetti relativi al controllo degli impulsi, alla capacità di calmare il corpo dopo l’attività e all’autoregolazione generale. In effetti, i bambini con ASD spesso mancano di coordinazione e consapevolezza del corpo e il movimento yoga ha dimostrato di aumentare la consapevolezza vestibolare e propriocettiva che può supportare l’attenzione sostenuta, la regolazione comportamentale e la consapevolezza generale del corpo. La ripetizione e la routine di sequenze di movimenti come i saluti al sole possono aumentare la capacità del bambino di eseguire piani motori e ha il vantaggio di sfruttare il bisogno intrinseco del paziente di struttura e ripetizione. Inoltre, i genitori che praticano insieme ai propri figli possono anche beneficiare di una riduzione dello stress genitoriale, impedendo loro di rifiutare e di diventare eccessivamente reattivi nei confronti dei propri figli.

Una revisione del 2015 della ricerca sull’efficacia dello yoga per i pazienti con ASD di Gwynette et al. rivela che finora solo due studi pubblicati su riviste peer-reviewed hanno implementato un protocollo standardizzato, valutato i risultati clinici e utilizzato un gruppo di controllo o i soggetti come proprio controllo. Tuttavia, questi studi, insieme ad altri studi pubblicati, suggeriscono che gli interventi di yoga possono effettivamente migliorare i sintomi principali dell’ASD e diversi casi di studio supportano questa scoperta nonostante le debolezze intrinseche nel potere statistico, il rischio di bias nel disegno sperimentale e le misure di esito incoerenti.

Uno degli studi in Gwynette et al. review è uno studio pilota del 2011 del Saint Francis Hospital and Medical Center di Hartford, nel Connecticut. I ricercatori hanno esaminato l’efficacia di un programma di yoga, danza e musicoterapia di 8 settimane utilizzando un gruppo di 24 bambini con diagnosi di ASD di età compresa tra 3 e 16 anni. Mentre lo studio ha riportato miglioramenti statisticamente significativi per tutti i soggetti nelle caratteristiche psicologiche e comportamentali, la natura multimodale del trattamento ci impedisce di sapere quanto la componente yoga abbia contribuito all’efficacia.

Un altro piccolo studio a Bengaluru, in India, ha applicato vigorosi riscaldamenti e pratiche di allentamento seguite da posizioni yoga tradizionali (asana), respirazione yogica e mantra in 12 bambini con ASD per un periodo di due anni accademici. I risultati hanno confermato precedenti segnalazioni di cambiamenti comportamentali qualitativi, inclusa una maggiore tolleranza alla seduta e alla vicinanza degli adulti e la successiva socializzazione. I risultati quantitativi hanno mostrato la regolarizzazione dell’attività immunitaria aberrante.

In un altro studio, Koenig et al. ha confrontato gli studenti sottoposti a un intervento yoga quotidiano di 16 settimane con gli studenti che si sono impegnati nella loro routine mattutina standard. Hanno scoperto che il gruppo di intervento ha mostrato una riduzione dei comportamenti disadattivi, tra cui irritabilità, letargia, ritiro sociale, iperattività e non conformità. Poiché si trattava di un programma di yoga manualizzato, può servire come un intervento comportamentale praticabile per i terapeuti scolastici. Sebbene lo studio dimostri l’impatto significativo degli interventi di yoga sui comportamenti chiave in classe tra i bambini con ASD, la mancanza di randomizzazione e l’assenza di valutatori ciechi potrebbero aver contribuito al pregiudizio nello studio.

Poiché la consapevolezza dell’ASD aumenta ed è più comunemente diagnosticata, l’applicazione e il test di interventi terapeutici olistici sono importanti, come lo yoga, che affrontano le varie esigenze del paziente. Nonostante i notevoli limiti della ricerca in questo nuovo campo, la potenziale efficacia dello yoga sembra promettente. È un approccio terapeutico potenzialmente conveniente che sembra essere ben accolto dai pazienti con ASD e dai loro genitori e quindi è giustificata la ricerca futura di quantità e qualità crescenti.

Lascia un commento