Di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

L’ipertensione è una condizione di pressione sanguigna anormalmente alta che può eventualmente danneggiare le pareti delle arterie e portare a complicazioni cardiovascolari. I pazienti raramente mostrano sintomi come mal di testa e mancanza di respiro, ma l’ipertensione rimane un importante fattore di rischio per infarto, ictus, insufficienza cardiaca cronica e malattia renale cronica. A livello mondiale, l’ipertensione è una delle cause più importanti di morbilità e mortalità prematura ed è responsabile di 7,6 milioni di decessi all’anno. L’ipertensione è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica con costi annuali diretti e indiretti stimati di 76,6 miliardi di dollari negli Stati Uniti. Una dieta ricca di sale insieme al nostro moderno stile di vita sedentario e carico di stress hanno in parte contribuito all’aumento della prevalenza dell’ipertensione. Pertanto, la modifica dello stile di vita, principalmente i cambiamenti nella dieta e l’attività fisica, sono spesso raccomandati per i pazienti con ipertensione insieme ai trattamenti farmacologici convenzionali. Sfortunatamente, la scarsa aderenza e l’incapacità di questi interventi standard di affrontare le cause sottostanti come lo stress dello stile di vita rendono questi metodi di trattamento convenzionali solo modestamente efficaci. Questo è particolarmente il caso di questo disturbo in cui i pazienti non manifestano direttamente i sintomi spiacevoli della malattia e sono quindi meno motivati a modificare lo stile di vita.

Poiché i panel di esperti sull’ipertensione sottolineano continuamente l’importanza di approcci non farmacologici e modifiche dello stile di vita, è imperativo identificare strategie alternative che abbassino efficacemente la pressione sanguigna affrontando i fattori di rischio sottostanti. È probabile che lo yoga si riveli una di queste opzioni terapeutiche alternative poiché affronta molti dei fattori che contribuiscono allo sviluppo dell’ipertensione, in particolare lo stress dello stile di vita. In effetti, diversi meccanismi chiave rendono lo yoga una terapia potenzialmente benefica per l’ipertensione. Le pratiche yoga stimolano direttamente il nervo vago, aumentando l’attività parasimpatica e riducendo l’attivazione del sistema nervoso simpatico; hanno anche un impatto positivo sulla funzione neuroendocrina e sulle vie infiammatorie. Questi meccanismi sono di fondamentale beneficio per l’ipertensione a causa del predominio simpatico indotto dallo stress nel sistema nervoso autonomo.

È noto che il pranayama, in particolare le pratiche di respirazione lenta, ha un impatto diretto e immediato sul sistema nervoso autonomo e sulla pressione sanguigna, aumentando la sensibilità baroriflessa. Questa significativa scoperta è stata particolarmente ben caratterizzata dagli studi eleganti e rigorosi del ricercatore pranayama Luciano Bernardi in Italia, che hanno chiaramente dimostrato gli effetti pronunciati della respirazione yogica lenta sia sulla risposta chemoreflessa respiratoria che sulla risposta riflessa dei barocettori sia in condizioni normali che soggetti ipertesi. Già nel 2001, ha concluso che “una maggiore sensibilità al baroriflesso potrebbe essere un fattore che inibisce il chemoreflesso durante la respirazione lenta. Un rallentamento della frequenza respiratoria può essere di beneficio in condizioni come l’insufficienza cardiaca cronica che sono associate a un’attivazione inappropriata del chemoreflesso”.

Più recentemente, il pranayama lento ha dimostrato di essere efficace nel ridurre la pressione sanguigna in uno studio indiano condotto dai ricercatori di yoga Bhavanani, Madanmohan, et al. coinvolgendo 29 pazienti con ipertensione o condizioni preipertensive. In soli cinque minuti di pratica del Pranava Pranayama, che prevede un’inalazione lenta e profonda seguita da un canto prolungato di AUM (OM), i soggetti hanno rivelato una riduzione statisticamente significativa della pressione sistolica e della frequenza cardiaca supina, entrambi indicatori della funzione cardiovascolare e dell’attivazione simpatica . Inoltre, l’immediatezza dei risultati (entro 5 minuti) indica che la respirazione yogica può essere utilizzata anche negli interventi clinici acuti quando la pressione sanguigna deve essere abbassata il più rapidamente possibile. Questi risultati suggeriscono anche che il pranayama dovrebbe essere considerato una componente chiave negli interventi di yoga.
La prima revisione sistematica della letteratura sull’efficacia dello yoga per l’ipertensione è stata pubblicata nel 2014 e comprendeva 39 studi di coorte, 30 studi controllati non randomizzati (NRCT), 48 studi randomizzati controllati (RCT) e 3 case report. Gli interventi di yoga variavano da 1 settimana a 4 anni e hanno coinvolto un totale di 6.693 soggetti. La maggior parte degli studi ha riportato risultati favorevoli con lo yoga che riduce efficacemente la pressione sanguigna sia nella popolazione normotesa che in quella ipertensiva. L’indagine sullo yoga come trattamento per l’ipertensione ha una storia di lunga data e, in effetti, il primo RCT mai pubblicato sullo yoga era sull’ipertensione. In quel primo studio nel Regno Unito del 1975, 37 pazienti ipertesi sono stati assegnati in modo casuale al rilassamento yogico, alla respirazione e alla meditazione o al semplice rilassamento, due volte alla settimana per 60 minuti nel corso di 6 settimane. Alla fine della prova, il gruppo yoga ha avuto una riduzione significativamente maggiore della pressione arteriosa sistolica e diastolica rispetto al gruppo di controllo. Sebbene questo primo studio presentasse una serie di carenze metodologiche, era nel complesso di qualità accettabile. Da quel primo studio di ricerca, il numero di RCT che sono stati pubblicati su questo argomento ha reso l’ipertensione una delle aree più studiate della terapia yoga.

Da allora studi più recenti hanno fornito risultati simili, incluso un documento fondamentale pubblicato nel Journal of Clinical Hypertension nel 2014. Questo è il primo RCT a mostrare gli effetti significativi dello yoga rispetto a un gruppo di controllo dell’esercizio. Ai partecipanti di entrambi i gruppi è stato chiesto di frequentare due lezioni di 55 minuti a settimana per 12 settimane e di eseguire 3 sessioni di pratica a casa per 20 minuti a settimana. Lo studio ha incluso 84 individui con preipertensione e ipertensione di stadio 1 tra i 21 ei 70 anni, di cui oltre il 90% donne e prevalentemente afroamericane. I risultati in questa alta popolazione minoritaria hanno indicato che lo yoga ha ridotto la pressione sanguigna mentre l’intervento di controllo attivo (esercizio non aerobico) no. La pressione arteriosa sistolica e diastolica media è diminuita rispettivamente di circa 5 mm Hg e 4 mm Hg, coerenti con i valori riscontrati in altri studi controllati sullo yoga per l’ipertensione e paragonabili a quelli ottenuti da altre strategie non farmacologiche come dieta, esercizio fisico e riduzione del sale .

Un altro studio rigoroso più recente condotto presso l’Università della Pennsylvania dalla dott.ssa Debbie Cohen e colleghi è stato appena pubblicato nel 2016. Questo RCT a 3 braccia ha assegnato 137 pazienti con preipertensione e ipertensione allo stadio 1 in uno dei 3 gruppi: un intervento dietetico con un programma di camminata, una pratica yoga regolare due volte alla settimana o una combinazione di questi due. Questo è stato il primo studio a esaminare direttamente come lo yoga rispetto a un intervento dietetico. Tutti e tre gli interventi hanno avuto un effetto favorevole sulla riduzione della pressione sanguigna con una riduzione significativamente maggiore della pressione arteriosa sistolica a 12 settimane nei gruppi yoga e combinazione rispetto al gruppo di controllo con dieta e camminata da soli. Sebbene le riduzioni della pressione sanguigna siano state piccole, sono comunque degne di nota poiché anche una caduta di 2 mm Hg della pressione arteriosa sistolica media comporta una riduzione del rischio di morte per malattie cardiache e ictus rispettivamente del 7% e del 10%, che è una riduzione clinicamente significativa della morbilità e tasso di mortalità.

In sintesi, gli studi fino ad oggi hanno dimostrato l’efficacia dello yoga, e in particolare del pranayama, per abbassare la pressione sanguigna nell’ipertensione senza significativi effetti collaterali negativi. La ricerca futura dovrebbe fornire più dati sulla sicurezza e affrontare il problema dell’aderenza alla pratica a lungo termine. Nonostante i risultati incoraggianti degli studi esistenti, l’American Heart Association non ha ancora raccomandato lo yoga come intervento non farmacologico a causa della mancanza di RCT di alta qualità. Data la potenziale efficacia dello yoga per l’ipertensione (e il suo valore aggiunto nell’affrontare le cause sottostanti piuttosto che i soli sintomi) e la probabile efficacia in termini di costi di tali interventi, la necessità di RCT più ampi e di alta qualità con follow-up a lungo termine è di fondamentale importanza. La ricerca futura migliorerà ulteriormente la nostra conoscenza dei meccanismi alla base dell’azione dello yoga nell’ipertensione e faciliterà lo sviluppo di interventi yoga ancora più efficaci.

Lascia un commento