Di Nikhil Ramburn e Sat Bir Singh Khalsa, Ph.D.

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una malattia infiammatoria polmonare caratterizzata dall’ostruzione del flusso d’aria polmonare. L’enfisema e la bronchite cronica sono le due condizioni più comuni che contribuiscono alla BPCO. I sintomi della BPCO includono difficoltà respiratorie, tosse, respiro sibilante e mancanza di respiro. Gli individui che soffrono di BPCO sono a rischio di infezioni respiratorie, malattie cardiovascolari, cancro ai polmoni e ipertensione polmonare più frequenti. Anche la qualità della vita di un individuo è influenzata a causa della sua incapacità di prendere parte alle attività quotidiane a causa della difficoltà respiratoria e questo può portare a disagio psicologico e depressione. Una delle cause principali della BPCO è l’esposizione a lungo termine a sostanze irritanti per i polmoni che danneggiano i polmoni e l’irritante più comune è il fumo di sigaretta. Altri fattori di rischio legati allo stile di vita includono la mancanza di attività fisica, uno schema respiratorio superficiale e rapido e lo stress psicologico. In effetti, lo stress è una causa comune di riacutizzazioni nei pazienti con BPCO poiché lo stress stesso può causare mancanza di respiro e respiro più veloce.

La BPCO è la terza causa di morte negli Stati Uniti dopo il cancro e le malattie cardiache e ogni anno a più di 3 milioni di americani viene diagnosticata questa condizione. Le stime attuali suggeriscono che la BPCO costa alla nazione circa $ 50 miliardi all’anno in spese sanitarie dirette e indirette. Oltre al grande onere per il sistema sanitario, i costi economici della BPCO sono aggravati dalla perdita di produttività a morbilità e mortalità prematura, rendendo questa condizione una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica. Sfortunatamente, i metodi di trattamento convenzionali hanno solo un’efficacia limitata per questa condizione poiché i farmaci esistenti non modificano il deterioramento a lungo termine della funzione polmonare. La crescente prevalenza della BPCO richiede lo sviluppo di interventi comportamentali efficaci che vadano oltre il trattamento sintomatico e si concentrino sulla riabilitazione. Mentre l’esercizio aerobico e l’allenamento della forza sono interventi comportamentali moderatamente efficaci, lo yoga e soprattutto la respirazione yogica controllata (pranayama) hanno dimostrato di migliorare la frequenza respiratoria, i livelli di ossigeno nel sangue e la qualità generale della vita nei pazienti con BPCO.

Molti dei fattori della malattia possono essere affrontati da un intervento di yoga terapeutico. Lo yoga può essere una terapia benefica per la BPCO perché coinvolge l’attività fisica insieme alla regolazione del respiro e ha benefici ben documentati di riduzione dello stress. Infatti, l’allenamento yoga riduce la frequenza respiratoria e aumenta la forza dei muscoli respiratori. È noto che la respirazione lenta, addominale e yogica è più efficiente nello scambio gassoso di ossigeno e anidride carbonica attraverso un’apertura più profonda e l’espansione dei polmoni. Inoltre, lo yoga riduce l’eccitazione autonomica e la frequenza cardiaca riducendo la depressione, l’ansia e gli attacchi di panico. Lo yoga promuove anche abitudini comportamentali sane, che possono contribuire a ridurre i fattori di rischio dello stile di vita come il fumo. Infine, lo yoga può aiutare i pazienti con BPCO ad acquisire sicurezza di poter controllare la respirazione, il che, insieme all’aumento delle prestazioni fisiche, potrebbe migliorare significativamente la qualità della loro vita.

Non sorprende quindi che le tecniche di pranayama abbiano dimostrato di avere un potenziale terapeutico nel trattamento della BPCO. In uno studio caso-controllo, condotto presso un istituto di cure terziarie in India, 50 individui con BPCO da moderata a grave sono stati divisi in un braccio di intervento e in un gruppo di controllo. La metà degli individui è stata addestrata al pranayama per 30 minuti due volte al giorno mentre ricevevano i soliti farmaci mentre il gruppo di controllo riceveva solo il solito trattamento medico. I risultati sono stati valutati dopo 3 mesi e il braccio di intervento ha rivelato un miglioramento significativo nel test di valutazione della BPCO e nel test del cammino di 6 minuti, mentre il gruppo di controllo non ha mostrato tale miglioramento. I ricercatori hanno suggerito che il pranayama si traduce in vari meccanismi di efficienza polmonare come la riabilitazione delle vie aeree non funzionali o chiuse. Inoltre, poiché il pranayama favorisce la respirazione addominale, allevia il diaframma respiratorio, migliora l’ossigenazione e aumenta la circolazione generale. Pranayama libera anche le vie aeree e migliora l’azione ciliare, che aiuta a combattere le secrezioni mucose. Di conseguenza, l’infiammazione sistemica è ridotta e così sono le sue manifestazioni. Pertanto, è probabile che stili / pratiche yoga più tradizionali che includono il pranayama come componente chiave siano una strategia di trattamento migliore rispetto all’uso di soli esercizi di yoga fisico.

Nella prima meta-analisi e revisione della ricerca sull’efficacia dello yoga per la BPCO, Liu et al. ha esaminato cinque studi randomizzati controllati (RCT) dal 1978 al 2012 che comprendevano 233 partecipanti. La dimensione del campione per RCT variava da 30 a 100 soggetti per studio e la durata degli studi variava da 12 settimane a 9 mesi. Gli studi esaminati includevano tutti pranayama da solo o con posizioni yoga e i risultati rivelano miglioramenti in una varietà di misure che dimostrano una migliore capacità polmonare, ventilazione e capacità di trattenere il respiro dopo una pratica yoga a breve termine. Inoltre, gli studi hanno suggerito che l’allenamento yoga può migliorare la capacità di esercizio, prevenire il declino della funzione polmonare, migliorare la qualità della vita e ridurre la dispnea (una sensazione di respirazione insufficiente o fame d’aria) nei pazienti con BPCO. Tuttavia, questi studi hanno una serie di limiti di progettazione della ricerca, inclusa la piccola dimensione del campione di alcuni studi. Nonostante queste limitazioni, questi risultati preliminari sono incoraggianti e indicano che l’allenamento yoga può essere efficace nel migliorare la funzione polmonare e la capacità di esercizio funzionale nei pazienti con BPCO rispetto alla terapia convenzionale.

Il primo studio per misurare in modo specifico gli effetti della respirazione yoga sul pattern respiratorio e sulla saturazione di ossigeno nei pazienti con BPCO è stato pubblicato nel 2009. Questo studio pilota è stato condotto in Nepal dal team del ricercatore yoga italiano Luciano Bernardi e ha coinvolto 11 pazienti, di età compresa tra 59 e 80 anni, con BPCO da moderata a molto grave. Tre dei pazienti erano fumatori, 2 non fumatori e 6 ex fumatori. I pazienti hanno praticato un modello di respirazione yogica completo, profondo e lento in cui è stato chiesto loro di mobilitare in sequenza il diaframma, la parte inferiore del torace e poi la parte superiore del torace sia durante l’inspirazione che durante l’espirazione. La scoperta principale è che i partecipanti hanno mostrato un miglioramento significativo della saturazione di ossigeno (livelli ematici). A suo merito, la tecnica yogica non è stata difficile da raggiungere e mantenere, richiedendo al massimo 12 minuti per imparare e i pazienti hanno riferito di sentirsi a proprio agio durante la sessione. Nonostante la piccola dimensione del campione e la mancanza di randomizzazione, questo studio pilota fornisce prove preliminari incoraggianti e incoraggia studi randomizzati più ampi per valutare gli effetti a lungo termine dell’allenamento yoga per i pazienti con BPCO.

Uno studio più recente che ha valutato lo yoga per la BPCO è stato un RCT che ha coinvolto 60 pazienti del Guru Teg Bahadur Hospital di Nuova Delhi, in India. I 30 soggetti del gruppo sperimentale hanno praticato yoga per 2 mesi per 45 minuti al mattino e sono stati monitorati settimanalmente per verificarne la compliance presso il laboratorio cardiopolmonare. Il fattore di trasferimento del polmone per il monossido di carbonio (TLCO), una misura della capacità del gas di trasferirsi dagli alveoli ai globuli rossi, è stato registrato sia nel gruppo di controllo che in quello sperimentale al basale e dopo 2 mesi. Ciò è significativo perché la capacità di diffusione è ridotta nella malattia polmonare cronica e questa è stata la prima volta che è stato valutato l’effetto degli esercizi yogici sul fattore di trasferimento polmonare. I risultati hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo dopo due mesi di allenamento yoga, mentre il gruppo di controllo che ha subito un trattamento farmacologico convenzionale non ha avuto cambiamenti nel TLCO.

In sintesi, gli studi fino ad oggi hanno dimostrato l’efficacia a breve termine dello yoga per migliorare la funzione polmonare e la capacità di esercizio funzionale nei pazienti con BPCO rispetto alla terapia convenzionale. Ciò suggerisce che lo yoga potrebbe essere un utile programma di riabilitazione polmonare aggiuntivo per i pazienti con BPCO. Questa è una soluzione conveniente e di facile apprendimento che affronta le cause alla base della BPCO piuttosto che solo i sintomi. Inoltre, lo yoga offre i benefici di alleviare l’ansia, migliorare la qualità della vita e prevenire il deterioramento dei polmoni e della muscolatura dovuto all’inattività. La ricerca futura dovrebbe idealmente affrontare i precedenti limiti delle piccole dimensioni del campione, la mancanza di studi a lungo termine e la segnalazione di dati inadeguati e fornire anche informazioni sui meccanismi alla base dello yoga nel trattamento della BPCO. Soluzioni innovative come gli interventi di Tele-Yoga in cui le lezioni vengono impartite tramite videoconferenza multipoint promettono di rendere la terapia yoga ancora più accessibile e conveniente per i pazienti con BPCO.

Lascia un commento